La 18a giornata della serie C1…in voci e commenti

Vincono ancora Futsal Futbol Cagliari e Athena Oristano, che seppur soffrendo superano Domus Chia e Sporting Lanusei. Il Futsal Villanova ferma sul pari la Delfino. Pari anche tra South West Portoscuso e Futsal Villasor. Cade in casa il Futsal 4 Mori sotto i colpi dell’Ichnos Sassari. Vittorie importanti in chiave salvezza per Jasnagora e Zb Iron Bridge, che si impongono di misura su Cagliari Futsal e Mediterranea.

 

JASNAGORA – CAGLIARI FUTSAL: 3-2
Chelucci, N. Serra, Murgia (J)
Pillosu, Mura (C)

Tre punti sofferti e importantissimi per la Jasnagora di mister Secci, che vince di misura contro un ottimo Futsal Cagliari. Per contrastare la prima linea di pressing degli ospiti i padroni di casa provano fin da subito a imbucare palloni su Olla e Sanna, ma a passare in vantaggio sono gli ospiti con una bella azione corale in esito alla quale Pillosu non sbaglia a porta vuota. La risposta della Jasnagora arriva con una precisa conclusione di Aretino che si stampa sul palo, mentre poco dopo è ancora il Cagliari Futsal a rendersi pericoloso con Mura e Fratini. La concentrazione in fase difensiva ha la meglio sulla fase offensiva e se non per una palla gol sciupata da Falconi su una punizione dal limite, il primo tempo si chiude senza altre particolari emozioni. Nella ripresa dopo pochissimi minuti la Jasna trova il gol del pari: Chelucci è il più rapido di tutti a raccogliere una respinta di Ledda e pareggia i conti. Il gol del pari riaccende gli animi dei padroni di casa che si portano in vantaggio grazie a Nicola Serra che dalla destra sorprende l’incolpevole Ledda, complice anche una leggera deviazione. Ma proprio quando sembra che l’inerzia della gara si stia spostando sul versante Jasnagora, una punizione dal limite di Antonio Mura consente al Cagliari di trovare il gol del momentaneo 2-2. In seguito ad alcune ghiotte occasioni per entrambe le parti sulle quali Ledda e Loddo non si fanno soroprendere, ci pensa Alessandro Murgia a 7 minuti dalla fine a realizzare il gol del definitivo 3-2 con un violento sinistro al primo palo. Successivamente mister Melis prova a recuperare lo svantaggio con il portiere di movimento, ma l’occasione più importante per i rossoblù arriva a due minuti dalla fine, quando capitan Congiu si vede respingere il tiro libero da Loddo: 3-2 il risultato finale.


FUTSAL VILLANOVA – DELFINO
2 Curreli, Mat. Perra, Serra, Murru (FV)
3 Ruzzu, Casu, Siddi (D)

Gara emozionante il cui risultato è stato incerto fino all’ultimo minuto di gioco, con un pareggio che alla luce della classifica e dell’andamento della gara lascia l’amaro in bocca ad entrambe le squadre. Il primo tempo si chiude con la Delfino meritatamente in vantaggio 3-0 e gara che dunque appare fin da subito in discesa per i ragazzi di mister Del Sordo: apre le marcature Simone Casu che al secondo palo non sbaglia da posizione ravvicinata. Il 2-0 invece porta la firma di Giacomo Ruzzu che recuperato un pallone sulla trequarti di campo batte successivamente Valdes. Il Futsal Villanova non sembra in grado di reagire, se non con qualche incursione di Curreli e Murru che si rivelano peró inefficaci. A tre minuti della fine del primo tempo arriva anche il gol di Siddi, il laterale cagliaritano è il più rapido di tutti nel correggere a rete una palla vagante sugli sviluppi di un’azione confusa. Nel secondo tempo la musica cambia, il Futsal Villanova appare fin da subito più cattivo e determinato provando ad imporre un pressing alto a tutto campo, Giuliani sostituisce Diana tra i pali della Delfino, e dopo soli 5 secondi di gioco Giacomo Curreli accorcia le distanze. Il gol di Curreli trasforma Valdes e compagni, i quali nei successivi 6 minuti di gioco prima accorciano ulteriormente le distanze con una ripartenza finalizzata da Matteo Perra e subito dopo pareggiano i conti ancora con Murru che approfitta di un errato disimpegno difensivo della Delfino. Sul 3-3 Diana torna tra i pali ma la Delfino subisce il gol di Davide Serra che grazie ad una bella triangolazione con Sanna ribalta il risultato: 4-3. Come spesso accaduto in questa stagione, nei momenti di difficoltà gli ospiti si affidano alla carta del portiere di movimento, mossa che si rivela determinante anche in questa occasione in quanto prima Ruzzu fallisce un tiro libero concesso dal direttore di gara, ma poco dopo lo stesso Giacomo Ruzzu mette a segno il gol del 4-4, ma dopo soli due minuti un capolavoro di Curreli che si libera della marcatura con un “sombrero” e supera Diana con un bel piazzato vale il nuovo vantaggio locale: 5-4. Su questo risultato la Delfino ha l’occasione di pareggiare i conti, ancora su tiro libero, ma la conclusione di Daniele Marini si stampa sull’incrocio dei pali. Arriva invece negli ultimi minuti il gol del definitivo 5-5, con Ruzzu che di punta, da posizione defilata lascia partire una conclusione imprendibile all’incrocio dei pali.

Il commento a fine gara di Marco Calabretta “Finalmente stiamo recuperando i giocatori importanti, migliorando nella fase difensiva e di conseguenza ottenendo i primi risultati. La gara di sabato e di Badesi dimostrano che la squadra è viva e ci siamo mentalmente, ora possiamo crederci maggiormente. A complicare la situazione arriva purtroppo la notizia dell’inagibità del nostro Palazzetto che per via del vento è divenuto inagibile. Situazione che crea notevoli difficoltá per le prossime settimane dal punto di vista logistico”

FUTSAL 4 MORI – ICHNOS SASSARI: 2-8
Puddu, Ferru (F4M)
4 Corona, 2 Basso, 2 Fedozzi (IS)

Clamorosa sconfitta interna per il Futsal 4 Mori, che incassa così la seconda sconfitta casalinga stagionale. L’andamento della gara è ben chiaro fin dai primi minuti di gioco, con il primo che tempo termina 2-0 in favore dei sassaresi, vantaggio meritato per quanto espresso in campo. Ci pensa Corona a sbloccare la gara, su classico schema da rimessa laterale, con una bordata che supera Contu. Rispetto ad altre occasioni, e complice anche l’assenza di un giocatore importante Alberto Corrias, il Futsal 4 Mori sembra non riuscire ad entrare mai in partita e subisce il gol del 2-0 firmato da Fedozzi, con il laterale sassarese che dal limite dell’area conclude a rete di sinistro. Sul doppio svantaggio la reazione dei locali arriva con le conclusioni di Puddu e Medda, ma entrambe si rivelano imprecise. Nel secondo tempo la musica non cambia, è l’Ichnos Sassari ad occupare meglio il campo, dimostrandosi letale in fase di finalizzazione. Cossu sostituisce Alessio Contu tra i pali, ma dopo poco tempo ancora Fedozzi dalla destra lascia partire una violenta conclusione che vale il 3-0. Su questo risultato, i padroni di casa provano a rimediare alla brutta prestazione con il portiere di movimento, ma proprio con il quinto uomo, Basso e Corona in seguito a due palle intercettate realizzano rispettivamente i gol del 4-0 e del 5-0 facendo esplodere di gioia la panchina sassarese. A gara ormai virtualmente chiusa, i sassaresi trovano anche il gol del 7-0 e dell’ 8-0 grazie ad altre due marcature di Corona, decisamente il migliore in campo. Le reti di Puddu e Ferru fissano il risultato sul definitivo 8-2.

Il commento di mister Puddu al termine della gara “Vittoria meritata. Oggi ha vinto la squadra che ha messo in campo più determinazione e voglia di vincere, giocando in ogni contrasto e in ogni azione con la cattiveria giusta. Sicuramente per il gioco espresso dal Futsal 4 Mori il risultato è troppo severo. Sapevo che un pressing alto con una squadra così organizzata sarebbe stato pericoloso, ho deciso quindi di creare densità nella nostra metà campo e sfruttare la velocità dei miei giocatori per le ripartenze. Altri tre punti fondamentali per raggiungere il nostro obiettivo salvezza”


DOMUS CHIA – FUTSAL FUTBOL CAGLIARI: 1-2
Melis (D)
Ticca, Serginho (FFC)

Gara equilibrata e combattuta fino a pochi minuti dal termine, quando un rigore di Serginho ha regalato tre punti importantissimi a capitan Ticca e compagni. Dopo una lunga fase di studio con poche emozioni, se non per via delle occasioni di Piddiu sulle quali per ben due volte Ferraro è insuperabile, è il Domus a portarsi in vantaggio grazie a Paolo Melis che finalizza una bella ripartenza dei locali. La reazione degli ospiti arriva 5 minuti dopo grazie a Umberto Ticca che con un bel diagonale consente ai cagliaritani di andare al riposo sul risultato di 1-1. Nel secondo tempo il Domus cala un pó di intensità, ma il possesso palla dei cagliaritani non produce gli esiti sperati grazie anche agli ottimi interventi di Roberto Fadda, tra i migliori in campo, ed alla traversa colpita da Andrea Barbarossa. A due minuti dalla fine l’episodio che decide la gara: proprio quando la gara sembrava orientata verso un pareggio, lo stesso Fadda viene espulso per doppia ammonizione con conseguente rigore concesso dal direttore di gara, si incarica della battuta Serginho che non sbaglia regalando ai suoi compagni tre punti pesantissimi.

Al termine della gara il commento di Serginho “È stata una grande vittoria del gruppo  adesso recuperiamo le energie e prepariamoci per la finale di Coppa Italia, altro importante obiettivo”


ZB IRON BRIDGE – MEDITERRANEA: 4-3
2 Levrini
2 Demurtas, Mattana (M)

Ancora 3 punti per lo ZB di mister Pinna, arriva infatti un’altra vittoria di misura sulla Mediterranea di mister Serra. Dopo un inizio di gara blando con poche conclusioni da parte di entrambe le squadre, Fabrizio Ceffoni corregge in rete al secondo palo una bella conclusione di Levrini. Passano pochi minuti e stavolta è il bomber locale Levrini a segnare il gol del 2-0. Sul doppio svantaggio arriva la reazione d’orgoglio dei cagliaritani, che grazie alle reti di Marco Demurtas e Alex Mattana ristabiliscono la momentanea parità: il primo ribatte in rete da posizione ravvicinata una respinta corta di Maciocco, il secondo finalizza con una violenta conclusione di punta da posizione centrale una bella azione personale. Sul finale del primo tempo una bella ripartenza degli olbiesi vede questi ultimi fallire una clamorosa occasione con la palla che si stampa sul palo. Nel secondo tempo parte decisamente meglio la Mediterranea che si porta subito sul 3-2 firmato Marco Demurtas, con il laterale nuorese che ben servito da Serra non sbaglia. Passano pochi minuti e la traversa nega a Samuele Deiana la gioia del gol.
Il gol della Mediterranea suona come un campanello d’allarme per i locali, che costretti a sbilanciarsi sfiorano il gol in due occasioni sulle quali Putzulu si fa trovar pronto. Gol che invece arriva poco dopo con il solito Levrini a dieci minuti dal termine. Poco dopo, l’espulsione di Datome rappresenta una ghiotta occasione per la Mediterranea, che peró non riesce a sfruttare la superiorità numerica e il risultato resta sul 3-3 fino a 4 minuti dalla fine quando Giua su calcio d’angolo segna la rete che si rivelerà decisiva in merito all’esito della gara. Gli ospiti tentano dunque il tutto per tutto con il portiere di movimento, sciupando il gol del possibile pari con Marco Serra.

Il commento di mister Pinna a fine gara “Bellissima partita e gran bella squadra la Mediterranea che son certo sicuramente arriverà tra i primi posti. Noi continuiamo a pensare alla salvezza. Purtroppo la situazione riguardante gli infortunati migliora solo in parte, in quanto una volte recuperati alcuni giocatori ne perdiamo altri.”


ATHENA ORISTANO – SPORTING LANUSEI: 4-2
2 Barresi, Matteo Frau, Murru (AO)
Deiana, Pia (SL)

Nonostante la classifica reciti “32 punti di differenza”, la gara di sabato ha dato vita ad una gara combattuta, specie nel primo tempo, con lo Sporting che ha messo in difficoltà l’Athena in diverse occasioni.
Dopo 5 minuti l’Athena passa in vantaggio con il gol di Matteo Frau, con un tap in vincente da posizione ravvicinata sulla conclusione di Mattia Frau. Sul risultato di 1-0 lo Sporting Lanusei non si scompone e prova ad approfittare di una fase di gara in cui l’Athena non trova la via del gol grazie a tre buoni interventi di Pittalis, ma Monni in due circostanze è poco preciso in fase realizzativa. Le due occasioni rappresentano peró il preludio al meritato gol del pareggio ospite che arriva con Mauro Deiana a 5 minuti dalla fine del primo tempo: il bomber ogliastrino recupera palla in fase di pressing e superato anche Pili deposita facilmente in rete. Il gol del pari suona come una sveglia per l’Athena che ristabilisce il momentaneo vantaggio grazie a Nicola Barresi, trasformando in rete l’assist di Crobu proprio sul finale. Primo tempo che si chiude dunque con il vantaggio di misura degli oristanesi: 2-1. Nel secondo tempo l’Athena prova alzare i ritmi con un pressing alto a tutto campo, mossa che produce i suoi frutti dopo 6 minuti grazie ad una violentissima conclusione di Barresi che termina all’incrocio dei pali: 3-1. Sul doppio svantaggio gli ospiti provano ad accorciare le distanze con due belle conclusioni di Deiana e Vacca, ma Pili nega il gol ad entrambi. D’altra parte, in risposta, l’Athena si rileva più determinata e con la rete di Frau chiude definitivamente la gara. Arriva solo nei minuti di recupero il gol del Lanusei con Pia, il quale al secondo palo non sbaglia: 4-2 il risultato finale.

Il commento a fine gara di Riccardo Murru per l’Athena “Partenza a rilento da parte nostra forse dovuta alle partite ravvicinate negli ultimi mesi. Il gol iniziale ci ha fatto abbassare la guardia con un conseguente calo di ritmo e concentrazione. Il gol del vantaggio ci ha ridato tranquillità, e la maggiore aggressività del secondo tempo ci ha consentito di portarci sul 4-1. Nonostante la prestazione rivedibile son tre punti importantissimi alla luce del pareggio della Delfino e la sconfitta del Futsal 4 Mori”


SOUTH WEST PORTOSCUSO – FUTSAL VILLASOR: 3-3
2 Carboni, Sanna (SWP)
Brugu, Faletra, Taris (FV)

Un punto a testa che smuove la classifica per entrambe le squadre e la consapevolezza per i padroni di casa che tra le mure amiche sarà dura per chiunque. Mister Dedola deve rinunciare a Bisesti, con conseguente esordio in serie C1 di Gianmarco Esu autore di un’ottima prestazione e determinante in certi momenti delicati della gara. Passa in vantaggio il Portoscuso grazie al gol di Carboni su classico schema da calcio d’angolo, ma al gol del momentaneo vantaggio risponde subito il Futsal Villasor che nel giro di 3 minuti ribalta il risultato grazie a due belle azioni manovrate che portano al gol Simone Brugu e Daniele Faletra: 2-1. Successivamente, dopo alcune occasioni da rete sciupate da entrambe le parti, nei minuti finali del primo tempo arriva il pareggio locale con Sanna che beffa Simone Taris, il quale oggi ha ben sostituito Grieco, complice una leggera deviazione. Primo tempo che termina dunque sul risultato di 2-2, con Bardi che sciupa una clamorosa occasione per il possibile 3-2. Nel secondo il Futsal Villasor trova il gol del momentaneo vantaggio grazie a Taris che da posizione ravvicinata corregge in rete una respinta del portiere locale con un tap in vincente. Rispetto ad altre occasioni il Villasor alla lunga non riesce a tener testa alla vivacità dei giovani ragazzi di mister Dedola, i quali nella seconda metà della ripresa prima falliscono tre clamorose occasioni con Fois, Mariani e Farris ma in seguito trovano il gol del pari grazie ad una bella conclusione dalla distanza di Carboni. Sul finale scintille tra Fois e Taris per un contatto di gioco che costa il rosso ad entrambi, risultato che non cambia: 3-3.

Il commento a fine gara di Andrea Pani “Gara equilibrata nella quale entrambe le squadre potevano portare a casa la vittoria. Nonostante le buone rotazioni a disposizione abbiamo sofferto la loro rapidità e non siamo riusciti a far prevalere la nostra esperienza”

You May Also Like

Commenta