Il Sestu vince il recupero contro il Merano, l’FFC fa suo il derby contro il Club San Paolo

Triplo Dall’Onder e doppio Ruggiu: il Sestu vince in rimonta contro il Merano e si piazza in terza posizione in classifica. L’FF Cagliari vince il derby contro il Club San Paolo e resta in scia dell’Italpol, tra due giornate la sfida che può decidere il campionato


CITTA’ DI SESTU – BUBI MERANO : 9-1

⚽️ 3 Dall’Onder, 2 Ruggiu (S)

⚽️ Beregula, Ouddach, autogol (M)

Vittoria e terzo posto per il Città di Sestu nel recupero della 17a giornata. Nonostante le assenze di Rafinha, Trunzo e Vanin, l’avvio del match è a totale appannaggio dei giallorossi: nel giro di tre minuti infatti lo sfortunato autogol di Asquer e la rete di Beregula in transizione dopo un ottima triangolazione con Mustafov, portano il Bubi a condurre sullo 0-2. I ragazzi di mister Mura costruiscono tanto, Dall’Onder e Hozjan si rendono pericolosi ma il classe 2000 Ninz si fa sempre trovare pronto. La mole di occasioni rossoblu è il preludio al gol che arriva poco dopo con una conclusione dalla distanza di Ruggiu, capitano per l’occasione a causa dell’assenza di Heder. I padroni di casa continuano a creare occasioni ma su un pallone recuperato da Beregula, Manzoni serve Ouddach che solo contro Etzi non sbaglia: a metà della prima frazione gli ospiti tornano a condurre di due reti. Il Sestu non si scompone e si rende pericoloso con costanza ma Asquer calcia due volte a lato, Hozjan e Ruggiu colpiscono i legni e le conclusioni di Dall’Onder e Ganzetti trovano l’opposizione di Ninz, con la prima metà di gara che si conclude dunque sul punteggio di 1-3. Ripresa che inizia nel migliore dei modi per i rossoblu: su schema da calcio d’angolo Dall’Onder riceve palla da Epp, si gira alla perfezione e batte Ninz per il gol del 2-3. I rossoblu continuano a premere sull’acceleratore e dopo 7’ la rimonta si concretizza: Ruggiu riesce a controllare la sfera su un lancio di Etzi e supera con due pallonetti prima Manzoni e poi Ninz, depositando infine la palla nella porta sguarnita. Il match continua sulla stessa falsariga anche nell’ultimo quarto di gara: il Merano si difende bene e punge in ripartenza ma le occasioni più ghiotte capitano ancora tra i piedi dei rossoblu: Caverzan è provvidenziale sulla conclusione di Hozjan, mentre è l’incrocio dei pali a negare la tripletta personale a Ruggiu su schema da calcio di punizione. A cinque dal termine però Dall’Onder si guadagna il sesto fallo a favore dei rossoblu, si incarica della battuta e con una puntata perfetta supera l’incolpevole Ninz per il primo vantaggio del match a favore dei padroni di casa. Mister Vanin schiera il portiere di movimento per cercare di recuperare il risultato e Mustafov per pochi centimetri non trova la deviazione vincente ad Etzi battuto. Si arriva così all’ultimo giro di lancette con il Sestu che però si chiude bene ed a 18 secondi dal termine trova con Dall’Onder la rete del definitivo 5-3.

Queste le parole del DS Sandro Mura in merito al match contro gli altoatesini: “Nonostante non sia un periodo di ottima forma a causa delle assenze e delle condizioni non ottimali di diversi giocatori, stiamo riuscendo ad ottenere ottimi risultati. Il campionato è estremamente equilibrato ed infatti anche il Merano, sebbene quartultimo e con delle defezioni, è in grado di creare tante difficoltà a chiunque. Sabato ci aspetta la difficile sfida contro il Chiuppano, un’altra formazione che penso non meriti la classifica attuale“.

Gli highlights del match:


FF CAGLIARI – CLUB SAN PAOLO : 9-1

3 Saddi, 2 Kivits, Alan, Serpa, Serginho, Carlos (FFC)

Ena (SP)

I rossoblù vincono senza troppe difficoltà il derby contro un Club San Paolo come sempre coraggioso e guerriero fino all’ultimo secondo di gara. Pronti, via e l’FFC passa subito a condurre grazie alla rete di Serginho. Il match è dunque subito in discesa per Alan e compagni che premono ancora sull’acceleratore, trovando ottime trame di gioco soprattutto nei primi dieci minuti di partita. Il raddoppio arriva con Carlos su calcio di punizione e poco dopo Saddi da pochi passi sigla la terza marcatura a favore dei ragazzi di mister Podda. I biancoverdi col passare dei minuti però riescono a rendersi più pericolosi: a provarci è addirittura Dimenna che, dopo un coast-to-coast, calcia però alto. Il gol arriva comunque per i ragazzi di mister Barbieri: su una palla lunga Ena vince il contrasto con Cossu in uscita e deposita la palla nella porta spalancata. L’FF Cagliari riprende però a macinare occasioni ed a pochi secondi dal termine della prima frazione Serpa, su assist vincente di Alan, sigla il gol del 4-1. Quello di sabato è sicuramente un gol molto particolare per il classe ’93, la cui dedica non può che andare al papà scomparso poche settimane fa (ne approfittiamo per mandare un grande abbraccio a Brunno in questo momento difficile). La ripresa si apre con i gol di Alan e Kivits in maniera definitiva il derby verso la sponda rossoblù. Da questo momento in poi Serginho e compagni riescono ad amministrare il risultato senza troppi patemi d’animo, con entrambi i mister che concedono spazio a tutti gli effettivi a propria disposizione. Nell’ultimo quarto di gara c’è spazio per la tripletta personale di Saddi e per la seconda marcatura personale di Kivits.

Non fa drammi mister Nicola Barbieri, che si mostra comunque soddisfatto per l’atteggiamento mostrato dalla giovane rosa a sua disposizione: “I nostri ragazzi sono usciti perdenti dal derby contro una squadra costruita per vincere. Noi siamo arrivati all’appuntamento in formazione rimaneggiata (da segnalare le assenze di Barbieri, Bigi, Papapietro e Trincas n.d.r.), hanno retto ad armi pari per buona parte dell’incontro. La soddisfazione di esserci stati con dieci elementi cresciuti nel nostro settore giovanile ci da la convinzione che la politica sia quella giusta e se arriverà anche la salvezza sarà un impresa. La strada è lunga ma ci proveremo con tutte le nostre forze”.

Questo invece il commento di mister Diego Podda all’ufficio stampa dei rossoblù: “La determinazione e l’intensità che hanno messo in campo i ragazzi della San Paolo rende ancora maggior merito alla nostra squadra di aver vinto una buona gara, giocando bene e non sottovalutando nessuna situazione di gioco. Abbiamo tenuto alta la concentrazione e sono contento perché nonostante le assenze importanti (Piaz e Barbarossa su tutti n.d.r.) tutti i giovani hanno dimostrato di essere all’altezza. Vuol dire che la loro crescita è costante. Anche i portieri hanno giocato tutti e tre perché meritavano di stare in campo e non era giusto sacrificare nessuno. Si sono calati benissimo nella realtà della squadra: tutti siamo importanti e tutti dobbiamo essere protagonisti”.

You May Also Like

Commenta