La 2a Giornata di Serie C1…in voci e commenti!

Dopo due giornate punteggio pieno per C’è Chi Ciak e Cagliari Futsal. Ottime vittorie per Athena, Dym Sport, Domus e Futsal Alghero. Segno X nel match tra Drillo’s e Delfino


Athena Oristano – Mediterranea: 5-2

2 Crobu, Fois, Porru, Dessì (A)

Versace, Curreli (M)

Si conferma essere un fortino inespugnabile il pala San Nicola di Oristano. A farne le spese la Mediterranea che, dopo un inizio equilibrato, cede alle offensive di Crobu e compagni andando sotto 3-0 dopo 10 minuti effettivi di gioco: il primo gol lo segna Porru, che punisce Ferraro dopo una ribattuta corta, il secondo gol lo mette a segno Dessì, che da posizione centrale non perdona, e infine Crobu, dopo gli sviluppi di una rimessa laterale, insacca alle spalle del portiere rossoblù con una bella conclusione al volo. Si affaccia in attacco anche la Med ma Mirai si fa sempre trovare pronto sulle conclusioni di Arrais prima e Curreli poi; Versace accorcia le distanze dopo una ripartenza, è 3-1 al termine del primo tempo. Non cambia il copione nella ripresa, la formazione di mister Serra non riesce a trovare il gol e il tempo passa; a metà secondo tempo è ancora l’Athena ad allungare in ripartenza: recupera palla Matteo Frau, che serve con il tacco Crobu, suolata ai danni di Ferraro e rete del 4-1. Mister Serra opta per il portiere di movimento ma con scarsi risultati, tanto giro palla ma nessuna conclusione che possa impensierire Mirai. Allunga ancora la formazione giallonera su palla recuperata e depositata in rete da Fois per il 5-1 casalingo; a nulla serve il gol allo scadere di Curreli sugli sviluppi di un calcio d’angolo.

Le parole del capitano oristanese, nonché fresco sposo (cogliamo l’occasione per fargli i nostri più grandi auguri), Luca Crobu al termine del match: “Noi siamo partiti subito forte, concentrati e abbiamo fatto una buona gara, mantenendo un buon ritmo. Abbiamo trovato subito il gol, che ci ha dato morale e siamo riusciti a portare a casa i 3 punti contro un avversario di ottimo livello”.


C’è Chi Ciak – Ales: 12-4

2 Serra, 2 Marini, 2 Nurchi, 2 Aquilina, 2 Pilloni, Gai, Garau (CCC)

2 Picchedda, Serra D, Cocco (A)

Esordio casalingo positivo per i ragazzi di mister Meloni che si impongono per 12-4 sui ragazzi dell’Ales. Parte subito forte il C’è Chi Ciak con Marini e Nurchi che portano il risultato sul 2-0; non ci sta la formazione di mister Piras che rientra in partita grazie a D. Serra. Gli alaresi non riescono tuttavia a reggere i numerosi urti da parte della squadra locale che, prima del termine del primo tempo trovano altre 4 reti con Serra, ancora Marini, Gai e Aquilina che portano il parziale sul 6-1. Nella ripresa è ancora la formazione di Serramanna a dimostrarsi più intraprendente, trovando altre 3 marcature: Serra, Nurchi e Aquilina firmano le doppiette personali e portano il risultato sul 9-1. Reagisce l’Ales che trova il gol del 9-2 con Picchedda e del 9-3 con Cocco e continua a creare occasioni mettendo più volte in pericolo la porta difesa da Grieco, che para anche un calcio di rigore. Arriva poi l’accelerata finale dei locali con Pilloni e Garau, quest’ultimo su tiro libero, e il risultato è 11-3; sul finale un gol a testa, è ancora Picchedda per l’Ales ad accorciare temporaneamente le distanze su tiro libero; infine Pilloni ristabilisce ad 8 lunghezze il vantaggio con un gran gol su azione personale.

Le parole di Vinicio Putzolu al termine della gara: “La partita l’abbiamo incanalata da subito a nostro favore, i ragazzi hanno chiuso il primo tempo 8-1 giocando bene. Nella fase iniziale del secondo tempo c’è stato un po’ di appagamento, comunque la gara è sempre stata sotto controllo tant’è che con altre sei reti hanno legittimato la vittoria.


Cus Cagliari – Cagliari Futsal: 3-7

Figus, Mura, Faa (CC)

2 Atzeni, Fratini, Manunza, Pireddu, Pillosu, Contu (CF)

Al palazzetto “Sa Duchessa” di Cagliari va in scena uno dei derby cagliaritani tra Cus e Cagliari Futsal. La partita parte subito pimpante con entrambe le squadre che optano per il pressing. Passa appena 1 minuto e mezzo per il primo gol del match siglato dagli ospiti con Atzeni che liberato da Grandulli insacca con un diagonale preciso. Il raddoppio arriva poco dopo sempre sull’asse GrandulliAtzeni che vede quest’ultimo siglare la sua doppietta personale con una potente conclusione che accarezza il palo ed entra in rete. Il CUS non sembra però demordere e continua il pressing mettendo in difficoltà la retroguardia rossoblù che vede Ledda impegnato in più occasioni. Tuttavia è il Cagliari a controllare il gioco è sugli sviluppi di un corner arriva il gol del 0-3: Pireddu batte l’angolo e vede la palla impattare su Palagino e carambolare in rete. Continua a spingere la formazione di mister Melis che trova la rete dello 0-4 con Fratini, dopo una bella triangolazione con Manunza. Prima metà di gioco che si conclude con il quadruplo vantaggio ospite. Nella ripresa prende coraggio il Cus che impegna Ledda prima con Sparapani e poi con Mura, e proprio da una conclusione di quest’ultimo arriva la rete dell’1-4, deviata da Atzeni alle spalle dell’estremo difensore ospite. Si sbilancia in avanti la compagine cussina ed arriva poco dopo l’1-5 da Manunza, che salta un avversario e con un violento destro insacca all’incrocio dei pali. Accorcia nuovamente il Cus con Figus che in ripartenza batte Ledda concludendo a rete. La partita si accende ed a farne le spese è il Cagliari con Rambaldi, apparso nervoso fin da inizio gara, che vede per la seconda volta sventolarsi il cartellino giallo dal giudice di gara. I padroni di casa in superiorità beneficiano del tiro libero che però viene neutralizzato da Ledda. Il CUS prova quindi ad andare in rete con la superiorità numerica ma l’ancora ottima difesa di Ledda e compagni evita i tanti tentativi dei padroni di casa. Ristabilita la parità numerica arriva subito il gol del 2-6 con una veloce ripartenza che vede Manunza servire Simone Contu sul secondo palo che non sbaglia. A 2 minuti dal termine si ha spazio ancora per la rete degli ospiti con Pillosu, azione fotocopia del precedente gol, e per la rete del definitivo 3-7 siglata da Andrea Faa che riceve dal limite dell’area e fa partite un preciso destro rasoterra.

Il commento di Riccardo Rambaldi al termine del match:È stata una bella partita giocata a viso aperto da entrambe le squadre con il CUS che, nonostante abbia zero punti, è una buona squadra che si toglierà sicuramente delle soddisfazioni. Son contento per la vittoria e soprattutto per il gruppo sempre più unito, dimostrazione di ciò la dà l’ottimo inserimento dei nuovi arrivati che son partiti subito forte e del fatto che tutto il roster trova minutaggio e risponde bene in campo nonostante la giovane età e la difficoltà della categoria. Ora testa alla prossima partita.


Delfino – Drillo’s Team: 4-4

3 Siddi, Scano (D)

4 Ganzo Ribas (DT)

Finisce in pareggio il match tra la Delfino, all’esodio stagionale, e il Drillo’s Team. Olbiesi che partono a mille mettendo spesso in difficoltà la compagine cagliaritana; è il solito Ganzo Ribas ad essere il più pericoloso e infatti proprio il brasiliano mette la quinta e realizza una tripletta che inchioda il parziale sullo 0-3 al termine del duplice fischio. Nel secondo tempo la Delfino si fa sotto e accorcia subito le distanze su schema di calcio d’angolo grazie a Siddi che porta sull’ 13 il punteggio. Tuttavia è ancora Ribas a mantenere il triplo vantaggio siglando l’1-4 (sono 9 i gol per lui nelle prime due di campionato n.d.r.). Proprio quando il Drillo’s sembrava in completo controllo del match, a 7 minuti del termine la Delfino si gioca la carta del portiere di movimento, che si rivelerà fatale per gli ospiti: Scano sfrutta l’ottimo giro palla e insacca per il 2-4. Continua il giro palla la formazione cagliaritana che prende il sopravvento sul finale: è due volte Siddi a trovare il gol, entrambi al secondo palo, inchiodando il risultato sul 4-4.

Le parole di Mauro Naitza al termine dell’incontro: “Nel primo tempo abbiamo subito molto e abbiamo chiuso 0-3, nel secondo tempo inizialmente eravamo sterili, impacciati quindi abbiamo schierato l’uomo in più e siamo riusciti a recuperare, rischiando anche di vincere la partita sul finale”


Domus Chia – Futsal 4 Mori: 3-1

De Agostini, Fadda, Leclercq (D)

Medas (F4M)

Dopo essere usciti dal pala Monteacuto a mani vuote nonostante la bella prestazione, il Domus Chia trova i primi 3 punti del suo campionato tra le mura amiche del Geodetico; Futsal 4 Mori che invece, nonostante un primo tempo molto equilibrato, non riesce a tenere il passo e deve cedere alle offensive della compagine locale. Prima frazione di gioco molto bloccata, entrambe le squadre si affacciano in avanti ma trovano le pronte risposte degli estremi difensori avversari; è il Domus ad essere più aggressivo e, dopo due legni e numerose occasioni fallite trova il vantaggio con De Agostini. È però Medas a rimettere in parità il risultato per il 4 Mori, prima metà che si conclude perciò 1-1. Nella seconda frazione sono i locali a scendere in campo più agguerriti e che trovano prima il vantaggio grazie a Fadda e successivamente il 3-1 con Leclercq su tiro libero. È ancora il Domus che ha l’opportunità di allungare sugli avversari ma prima falliscono un rigore con Melis e poi un tiro libero con Morel.

Le parole di Luca Agus al termine della sfida: “Personalmente contava solo il risultato. Ora ci prepariamo al meglio per ospitare il C’è Chi Ciak, recuperando Murgia, Serra e Nonnis in modo da essere al completo”.


Dym Sport – Elmas: 6-5

3 Atzori, 2 Pannella, Putzu (D)

2 Mietto, Lisci, Pintauro, Marras (E)

Arrivano i primi 3 punti per la neopromossa Dym Sport, che supera per 6-5 un Elmas all’esodio stagionale. Dopo una prima frazione del primo tempo un po’ bloccata che le due squadre utilizzano per studiarsi a vicenda, è la formazione masese a trovare il vantaggio con Mietto, il brasiliano recupera palla su errore in impostazione dei locali e deposita in rete il gol dell’1-0. A pochi secondi dal gol di Mietto arriva la risposta di Atzori su calcio di punizione che riporta in pareggio il match. Ad una manciata di secondi dal termine del primo tempo passa nuovamente in vantaggio la formazione di Perra con Lisci. Si va dunque a riposo sul parziale di 1-2. All’uscita dagli spogliatoi è la Dym la squadra più offensiva che infatti trova il pareggio dopo una bella azione corale: palla in banda di Atzori, Piras imbuca al centro per Putzu che ribadisce in rete su indecisione del portiere ospite. Passa per la terza volta in vantaggio l’Elmas, ancora con Pascal Mietto che sigla la doppietta dopo un’azione un po’ rocambolesca. Riporta nuovamente in parità il risultato Atzori in ripartenza su palla recuperata da Mocci; il gol del 3-3 da la carica alla formazione locale che trova in rapida successione 3 gol: il primo lo sigla Pannella di testa, dopo rilancio lungo di Berli, il secondo su schema di calcio d’angolo che carambola sul petto di Pannella e finisce alle spalle dell’estremo difensore dell’Elmas, doppietta personale e 5-3 per la Dym. Il triplo vantaggio non tarda ad arrivare ed è Atzori a realizzarlo su punizione da metà campo. Manca ormai un minuto, il tempo stringe ma Pascal e compagni ci provano fino all’ultimo; Pintauro accorcia le distanze su tiro libero e infine Marras, a 30 secondi dalla fine trova il 6-5 su diagonale preciso.

Le parole di Gianluca Pannella al termine della gara: “Abbiamo sfidato una squadra esperta, con ottimi giocatori e che in questa categoria ha sempre fatto bene, questa vittoria ci deve far capire che possiamo dire la nostra in questo campionato, sfruttando l’affiatamento del gruppo e il lavoro che stiamo facendo ormai da quasi un anno”.


Futsal Alghero – San Sebastiano Ussana: 9-5

3 Trentadue, 3 Becca, Arru, Idili, Todde (A)

2 Piras, Ledda O., Ledda L., Cabras (U)

Prima storica vittoria per il Futsal Alghero nel massimo campionato regionale, in un Pala Corbia gremito di tifosi giallorossi che fanno da cornice ad una splendida vittoria. Partenza fulminante dell’Ussana che dopo pochi minuti è già in vantaggio di 2 reti grazie alla doppietta di Piras, complici delle disattenzioni difensive della squadra locale. Non si abbatte la formazione di mister Cossu che, prima accorcia le distanze con Arru su assist di Becca, e poi trova il pareggio e il vantaggio grazie alla doppietta di Trentadue, il primo su rigore e il secondo su azione manovrata. L’Ussana ha la possibilità di tornare in parità su calcio di rigore ma Dalcin neutralizza la conclusione di Ledda. Pareggio che tuttavia non tarda ad arrivare dopo un errore in impostazione da parte della formazione algherese, Oscar Ledda fa partire la conclusione che, deviata, finisce alle spalle dell’estremo difensore algherese. Mancano una manciata di minuti al termine del primo tempo e Arru, dopo una brutta entrata, lascia i compagni in inferiorità numerica ed è infatti la formazione ospite a trovare il vantaggio con Cabras. 3-4 il risultato al duplice fischio dell’arbitro. Nel secondo tempo sale in cattedra la formazione di mister Cossu: grande protagonista Becca che prima trova il gol del pareggio e poi mette la freccia per il sorpasso con un gran tiro sotto l’incrocio. Non soddisfatta continua a spingere la formazione algherese che trova poi altre due reti prima con Todde e poi con Idili, che aggiungono il loro nome al tabellino marcatori. A pochi minuti dal termine è ancora l’Alghero ad allungare con Trentadue, che firma la tripletta personale; a quel punto la formazione ussanese opta per la carta del portiere di movimento. Accorcia le distanze Ledda ma poco dopo è ancora Becca che mette la parola fine al match trovando il gol del 9-5.

Le parole di mister Cossu al termine della gara: “Dovevamo rifarci della non felice prestazione messa in campo contro il Drillo’s Team, sono contento dei ragazzi, ho visto tanti segnali positivi e tanti miglioramenti anche grazie agli allenamenti in settimana, nei quali abbiamo lavorato sugli errori fatti nella partita precedente”.

You May Also Like

Commenta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: