La 4a Giornata di Serie C1…in voci e commenti

Il Cagliari non sbaglia in casa del Futsal Alghero. C’è Chi Ciak, Mediterranea e Domus rimangono in scia. Pari e patta nella seconda parte di classifica tra Dym Sport ed Ussana


Ales – Drillo’s Team: 6-8

3 Picchedda, 2 Deidda D, Cadoni (A)

5 Ganzo Ribas, Maza, Contena, Senes (D)

Altra prestazione convincente quella dei ragazzi di mister Dessolis che al palazzetto di Ales si impongono per 8 reti a 6; grande protagonista di giornata, come di consueto, il brasiliano Ribas, che arriva a 17 centri in appena 4 giornate! Partita molto piacevole, con un buon palleggio da parte di entrambe le squadre, tant’è che il primo tempo dura appena 30 minuti. Dopo aver colpito una traversa nelle fasi iniziali, è l’Ales a portarsi in vantaggio con il solito Picchedda. Drillo’s che reagisce e trova subito il pari con Senes, ben servito da Bandinu. Passa poco e gli ospiti si portano in vantaggio con una bellissima conclusione di Ribas, con la palla che colpisce entrambi i pali prima di depositarsi in rete. I padroni di casa non si disuniscono, e trovano il pareggio con un tiro dalla distanza di Cadoni che beffa Muntoni. Primo tempo a ritmi altissimi; passa in vantaggio il Drillo’s con Contena, che sigla il 2-3 con un preciso rasoterra; poco prima dell’intervallo ancora Picchedda trova il 3 a 3. Nel secondo tempo parte forte la formazione olbiese, che alza la pressione da subito e vanno in gol con un pregevole cucchiaio di Luan Maza su assist di Senes. I Drillo’s sembrano in controllo della gara ma una clamorosa ingenuità di Meloni regala la superiorità numerica ai padroni di casa che allo scadere del 2’ minuto acciuffano il pari con una bella conclusione di Picchedda. Ribas che non ci sta e trova il nuovo vantaggio ospite con una bella conclusione di sinistro. biancorossi reagiscono subito, e con un uno-due micidiale di Daniele Deidda al suo esordio stagionale, ribaltano tutto. Ribas suona la carica e trova il gol del 6-6 dal limite. Mancano 3 minuti e Maza è bravo a creare superiorità numerica e costringe i difensori di casa a due falli che mandano per due volte Ribas sul tiro libero; il brasiliano tira due puntate imparabili in fotocopia che regalano i 3 punti ai Drillo’s.

Le parole del mister alerese Alessandro Piras al termine del match: “Paghiamo alcune colpe dettate dalla inesperienza. Dovevamo essere più bravi nell’arginare gli attacchi avversari e invece non ci siamo riusciti. Dobbiamo lavorare tanto sul possesso, troppo legato alle individualità e nella fase difensiva, dove non riusciamo a leggere l’azione avversaria.  Sono comunque fiducioso perché sono proprio queste partite e queste sconfitte che ti fanno maturare”.


Athena Oristano – Futsal 4 Mori: 9-5

4 Barresi, 2 Fois, Porru, Flore, Frau (A)

5 Medas

Altri 3 punti tra le mura amiche per la formazione oristanese che supera per 9-5 il Futsal 4 Mori, ancora fermo a 0 punti in classifica. A partire meglio è tuttavia la formazione ospite, che passa in vantaggio per 0-2 grazie alla doppietta del solito Medas, che riesce a superare Mirai due volte, la prima su punizione e la seconda in ripartenza sfruttando una disattenzione difensiva oristanese. Il doppio svantaggio funziona da sveglia per Dessì e compagni che trovano il gol grazie a Fois che, dopo aver superato due avversari, deposita alle spalle di Piras. Continua l’offensiva oristanese e non tarda ad arrivare il pareggio grazie a Barresi, che con un preciso destro insacca su calcio di punizione.Nel miglior momento dell’Athena è però il 4 Mori a trovare di nuovo il vantaggio, ancora con Medas, abile a superare Mirai con un pallonetto in ripartenza; non dure però tanto il vantaggio settimese: Fois subisce fallo e, tra le proteste ospiti, Dessì batte in fretta la punizione che Mattia Frau deve solo poggiare in rete a porta vuota, è 3-3 il parziale. C’è ancora spazio per due reti locali prima del termine del primo tempo; prima Fois deposita alle spalle di Piras dopo una bella azione personale e poi ancora Barresi insacca con una precisa punta sotto le gambe dell’estremo portiere rossoblù. Il risultato è 5-3 al termine della prima frazione. Nel secondo tempo è ancora l’Athena a partire forte: prima Barresi recupera palla e spara un potente destro che tocca il palo e supera Piras, poi Porru e Flore allungano il parziale sull’8-3. I settimesi suonano la carica e accorciano le distanze sempre con il solito Medas che segna in rapida successione in quarto e il quinto gol di giornata, portando a 9 il proprio bottino personale: il primo sfruttando il portiere di movimento, il secondo ancora su punizione da posizione defilata. Tuttavia, ci pensa ancora Nicola Barresi a chiudere il match, siglando il suo quarto gol: in ripartenza riceve da Porru, finta sul difensore ospite e destro che si insacca alle spalle di un incolpevole Piras.

Le parole del man of the match Nicola Barresi al termine dell’incontro: “Dopo un inizio un po’ sottotono siamo riusciti piano piano a rimetterla in piedi andando in vantaggio di due gol nel primo tempo, poi nel secondo abbiamo allungato ancora e nonostante una grande partita del portiere avversario siamo riusciti a portarla a casa. Una vittoria che aumenta il morale e ci da la carica per la battaglia di Domus della settimana prossima.”


C’è Chi Ciak – Elmas C5: 11-1

3 Zucca, 2 Marini, 2 Pilloni, 2 Gai, Mascia, Nurchi (CCC)

Mietto (E)

C’è Chi Ciak che puntava a riscattare la sconfitta di Domus e lo fa nel migliore dei modi, imponendosi per 11 reti a 1 sull’Elmas. Parte subito bene la formazione di casa con due reti di Daniele Marini e una di Mascia con deviazione, andando avanti 3-0. L’Elmas riapre parzialmente la partita con gol di Mietto sul secondo palo, 3-1. Tuttavia, il C’è Chi Ciak gestisce bene il vantaggio e sigla in successione due reti, grazie alla doppietta del capocannoniere serramannese Zucca. A segno anche Nurchi che fissa sul 6-1 il risultato del primo tempo in favore della squadra di casa. Al secondo tempo la musica non cambia e il C’è Chi Ciak continua a dilagare, prima Pilloni su assist di Mascia porta il risultato sul 7-1 e in seguito Gai realizza due reti in rapida successione, 9-1 per i padroni di casa. L’ Elmas tenta di accorciare le distanze ma viene fermato dal palo e da qualche imprecisione sotto porta. Gli uomini di Meloni invece continuano ad attaccare e trovare il gol, prima con Zucca, che fa 10-1, suggella la tripletta e l’ottavo centro in campionato, poi su spunto di Argiolas dalla destra che mette una gran palla sul secondo palo fornendo l’assist a Pilloni, che ringrazia e firma l’11-1 definitivo.

Le parole di Vinicio Putzolu al termine della partita: “Sabato credo che il folto pubblico presente si sia divertito. I ragazzi hanno disputato una bella partita meritando ampiamente la vittoria, riscattando la sconfitta dì Domus. Un risultato importante che ci dà la carica per continuare a lavorare con grande impegno per la prossima gara”.


CUS Cagliari – Domus Chia: 0-2

2 Simone (D)

Altra importante vittoria per i ragazzi del presidente Agus che si trovano al secondo posto insieme a C’è Chi Ciak e Mediterranea e che possono pensare in grande. Cus che non riesce a ripetersi dopo la bella vittoria in trasferta con il Futsal 4 Mori e che deve cedere alla più esperta formazione ospite che passa in vantaggio e gestisce nel migliore dei modi. Primo tempo a reti bianche; partita molto equilibrata e estremi difensori sempre attenti. Nel secondo tempo la partita si infiamma ed è il Domus ad essere più pericoloso: la doppietta di David Simone e la grande prestazione di Mattia Murgia in fase difensiva sanciscono la vittoria degli ospiti, nonostante i tanti ottimi interventi del portiere cussino Sedda.

Ecco le parole di Luca Agus al termine del match: “La mentalità della squadra è molto positiva. Siamo solo all’inizio e sabato affronteremo una grande squadra (Athena Oristano) e ci prepareremo nel miglior modo possibile. La classifica non ci interessa, il nostro obiettivo è centrare la salvezza”.


Delfino – Mush Mediterranea: 1-4

Puddu M (D)

Deiana, Ferraro, Casu, Lai (M)

Seconda vittoria consecutiva per i rossoblù di mister Serra che superano un’ottima Delfino al termine di un match molto combattuto. È la Mediterranea la compagine più in palla all’inizio della sfida, ma sono i numerosi legni, colpiti da uno sfortunato Sanna, a negare la gioia del gol ad Arrais e compagni; a metà primo tempo è il giovane Lai a sbloccare l’incontro, terzo gol in due partite per lui, che riceve proprio dal capitano rossoblù Arrais e supera Mosso in uscita. Poco dopo arriva il raddoppio della squadra ospite: imbucata centrale di Tronci su Versace che la protegge e smista per Casu che con un tiro leggermente deviato insacca per il 0-2. Non tarda ad arrivare anche il triplo vantaggio con Ferraro che rinvia forte coi piedi dalla propria porta disegnando una traiettoria che risulta fatale per Mosso che non riesce a trattenere il pallone, è 0-3 al termine della prima frazione. Secondo tempo più equilibrato che vede Mosso e Ferraro impegnati su diverse conclusioni avversarie ma che si fanno sempre trovare pronti. Arriva il gol del 0-4 a metà secondo tempo su calcio d’angolo: batte Tronci, Versace in girata col destro serve Deiana che deve solo appoggiare per il quadruplo vantaggio ospite. Sfortunata la Delfino che fallisce la rete col portiere di movimento colpendo la traversa e impegnando Ferraro più volte. Accorcia le distanze poco dopo Puddu, in ripartenza, con un tiro angolato sul quale l’estremo portiere rossoblù non può nulla.

Le parole di Lorenzo Lai al termine del match: “La partita era molto difficile, il ritmo è stato molto alto per tutta la partita, nonostante questo siamo riusciti a giocare come ci aveva chiesto il mister e abbiamo resistito anche negli ultimi minuti con il portiere di movimento. Non ci resta che continuare così e ci toglieremo molte soddisfazioni”


Dym Sport – San Sebastiano Ussana: 5-5

3 Atzori, Pannella, Mocci (D)

3 Piras, 2 autogol (U)

Non una novità il match tra Dym e Ussana, due formazioni che già si conoscevano dalla stagione precedente in C2 e che ha visto le due compagini pareggiare al termine di un match molto equilibrato. Parte subito forte la Dym con Pannella, che riceve da Mocci e fa partire un forte sinistro ad incrociare; arriva poco dopo la reazione ussanese con Alex Piras, autore di un’altra grande partita. Prima del termine del primo tempo è Atzori a portare avanti i suoi con un calcio di rigore: è 2-1 il punteggio al duplice fischio arbitrale. Nella ripresa è ancora la Dym che allunga con Mocci, abile a sfruttare una disattenzione difensiva avversaria e ribadisce in gol la palla del 3-1. Accorcia le distanze l’Ussana grazie ad un autogol su imbucata di Roberto Ledda. Atzori porta nuovamente a più due il punteggio con un destro da fuori area, ma un altro autogol della difesa settimese riporta a una sola distanza il distacco. Non passa molto ed arriva il gol del pareggio con il solito Piras, che sfrutta un assist di Antonio Serio, ottimo esordio in C1 per lui. Nuovo vantaggio tuttavia dei padroni di casa, ancora con Atzori, che di punta sinistra insacca alle spalle dell’estremo difensore ussanese. Prima del triplice fischio arriva tuttavia il pareggio ospite ancora con Piras, che dalla distanza sigla la rete del 5-5.

Le parole di Alex Piras, autore di una tripletta: “La Dym è una squadra che già conoscevamo nello scorso campionato, sapevamo che non era una partita semplice. Sono contento della prestazione della squadra che nonostante alcune assenze siamo riusciti a prenderci un punto importante in casa loro nonostante eravamo sempre sotto.”


Futsal Alghero – Cagliari Futsal: 2-9

Trentadue, Cano (A)

2 Grandulli, 2 Pireddu, 2 Fratini, Pillosu, Paderi, autogol

Cagliari Futsal che vince e mantiene il primato nella difficile trasferta di Alghero. La formazione di mister Melis trova subito il vantaggio grazie a Grandulli. Il pressing alto mette in difficoltà la formazione algherese, che al 7’ però, trova il pareggio con Cano. Al 13’ botta e risposta: Trentadue insacca su azione di calcio d’angolo e porta in vantaggio la Futsal Alghero, immediata risposta degli ospiti per il 2-2 con Fratini. Non tarda ad arrivare il nuovo vantaggio rossoblù grazie ad un autogol da parte della difesa algherese, è 2-3 il parziale al termine del primo tempo. In apertura di ripresa Sannino viene espulso per un’uscita fuori dall’area con le mani e Paderi approfitta dell’inferiorità numerica dei giallorossi per spedire il Cagliari Futsal sul 2-4. Arrivano poi altre 5 reti dei giovani rossoblù che prendono il largo tra le proteste della formazione locale: prima è Pireddu ad allungare e poi ancora Grandulli. Quando siamo sul 2-6 arriva un altro cartellino rosso per i ragazzi di mister Cossu, Becca viene cacciato dai direttori di gara per le troppe proteste. Continua a spingere il Cagliari che chiude il match con altre 3 marcature: vanno a segno ancora Fratini, Pillosu e proprio allo scadere è Pireddu che sigla la propria doppietta e manda le due squadre negli spogliatoi, è 2-9 in risultato finale.

Le parole di Andrea Pireddu al termine dell’incontro: “Partita difficile, soprattutto nei primi minuti nonostante il nostro vantaggio dopo un minuto per via di un errore difensivo, abbiamo avuto più fame sicuramente e siamo stati bravi a gestire il risultato soprattutto al primo tempo nonostante alcuni nostri errori in fase difensiva. Sono contento perché la vittoria è frutto dei sacrifici fatti in settimana e del grande gruppo che si sta creando, ora testa alla prossima partita.”

You May Also Like

Commenta