Il week-end delle squadre sarde di Serie A2 e Serie B

In Serie A2 boccata d’ossigeno per il Sestu. Pesantissima sconfitta per la Leonardo. In Serie B vince solo l’FFC contro il Lecco, sconfitte amare per Monastir, San Paolo e Futsal Ossi.


📌 CITTÀ DI SESTU – OLIMPIA REGIUM : 4-2

⚽ 2 Mura, Heder, Cau (S)

⚽ Ferrari, Iniguez (OR)

Ritrova il sorriso il Città di Sestu che grazie ai gol di un ritrovato Giulio Mura scaccia la crisi e ottiene tre punti importanti per dare una svolta al proprio campionato. Prima vittoria stagionale e primi punti conquistati in casa nonostante un avvio di gara difficile al PalaDante. Ad andare in vantaggio infatti erano stati gli ospiti che su una grande giocata di Aieta col tacco hanno trovato lo 0-1 col quinto gol stagionale di Ferrari. Il gol subito ha però svegliato i sestesi e a togliere le castagne del fuoco ci ha pensato come sempre capitan Heder con una conclusione dalla distanza che ha portato le squadre a riposo sull’1-1. Nel secondo tempo è stato il Sestu a trovare per primo il vantaggio con Mura ma si è visto subito riagganciato dal missile sotto l’incrocio di Iniguez: 2-2 dopo i primi due minuti della seconda parte di gara. Lo spettacolo però non è finito qui perché è stato altrettanto immediato il 3-2, sempre ad opera di Mura, dei rossoblu che al quarto della seconda frazione erano di nuovo in vantaggio. In seguito nessuna delle due squadre ha trovato la rete, nonostante entrambe ci siano andate abbastanza vicine, finché il gol di Cau a venti secondi dalla fine non ha chiuso la gara col 4-2 in favore dei padroni di casa, regalando la prima vittoria in campionato alla squadra di patron Agus.


📌 AOSTA – LEONARDO : 8-3

⚽ 4 Da Silva, 2 Joao, Estedadishad, Pettinari (A)

⚽ 2 Podda, Billai (L)

L’Aosta sale sull’ottavolante e lascia a terra la Leonardo. La metafora perfetta per descrivere una partita iniziata bene ma conclusa nel peggiore dei modi dai ragazzi di mister Petruso che perdono uno degli scontri diretti in casa di un Aosta non di certo imbattibile. I primi minuti di gara sono un dominio ospite che culmina col gol di Billai dalla distanza che porta in vantaggio i sardi. Il vantaggio dura però poco perché approfittando di un errore arbitrale l’Aosta pareggia su punizione di seconda dal limite dell’area. La Leonardo non si scoraggia e su un tiro di Podda, grazie anche all’errore del portiere locale, trova il 2-1 in suo favore. Il gol che porta di nuovo in vantaggio gli ospiti può anche considerarsi l’ultimo squillo della squadra arancionera che spegne la luce e già prima della fine del primo tempo si vede ribaltare il risultato dai gol di Da Silva e di Estedadishad. Al rientro in campo la musica non cambia: un altro errore difensivo degli arancioneri permette a Joao di trovare la doppietta personale e il doppio vantaggio ai padroni di casa. La Leo schiera subito il portiere di movimento ma come già accaduto nelle precedenti partite la scelta non si rivela giusta, in quest’occasione permette addirittura agli avversari di dilagare nel punteggio, Pettinari trova infatti il 5-2 seguito da altri tre gol di Da Silva che con un poker chiude la partita e si porta a casa il pallone. Tra i gol c’è spazio per il momentaneo 6-3 di Podda a tre minuti dalla fine. Nell’ultimo minuto Siddi potrebbe trovare la sua seconda rete in Serie A2 dopo essersi procurato un calcio di rigore ma il suo tiro dai sei metri si infrange sulla traversa: 8-3 il punteggio finale, altra pesante battuta d’arresto per Perdighe e compagni.


📌 FF CAGLIARI – LECCO C5 : 5-4

⚽ Ennas, Serpa, Alan, Hurtado, Loch (FFC)

Non cambia la legge PalaConi: tra le mura amiche, anche se con più difficoltà del solito, il Cagliari batte il Lecco e mantiene la vetta in classifica. Il tabellone a fine gara dice Cagliari 5 e Lecco 4 in seguito ad un match dalle mille emozioni deciso solamente negli ultimi minuti. Emozioni che scattano già dopo pochi secondi dal calcio d’inizio con il primo vantaggio del Cagliari con Ennas e che continuano subito dopo con l’immediato pari del Lecco pochi minuti più tardi. C’è tanto Cagliari, come sempre, nella gara grazie al grande possesso palla richiesto spesso da mister Podda che porta ad una grandissima serie di occasioni da gol sventate dall’ottimo estremo difensore ospite Bartilotti. Anche il Lecco però non rimane a guardare e impegna più volte Setzu. A riportare avanti i locali, e a portare le squadre negli spogliatoi col parziale di 2-1, è Serpa che chiude in rete uno schema su calcio da fermo, sempre un’arma in più per i rossoblu. Nella ripresa continuano a fioccare le occasioni e a sfruttarle meglio è ancora il Lecco che con con una punizione rocambolesca riequilibra l’incontro. Nell’ultimo quarto di gara è l’asse Brasile-Spagna a regalare la vittoria all’FFC: prima i brasiliani Loch e Alan portano sul doppio vantaggio i rossoblu che si portano sul 4-2; poi un blackout dei locali e la caparbia di un Lecco che non muore mai rimettono tutto in discussione (4-4) finché Hurtado nei minuti finali firma il match point che consegna altri tre punti a Serginho e soci che rimangono così imbattuti e in vetta alla graduatoria.


📌 FORTITUDO POMEZIA – KOSMOTO MONASTIR : 4-2

⚽ Lorenzoni, Cristofari, Chiomenti, Potrich (P)

⚽ Demurtas, Wilson (KM)

Prima sconfitta stagionale per il Monastir che perde così il primato. È un avvio di gara un po disattento a condannare i ragazzi di mister Catta al primo stop della stagione. Dopo una fase di studio dove il Monastir cerca di far valere il maggior tasso tecnico infatti è la squadra di casa a mettersi la partita in discesa: Lorenzoni sfrutta un mal posizionamento della difesa ospite su corner trova l’1-0 poi il pivot classe 2001 Cristofori, sfruttando l’assist dell’autore del primo gol, raddoppia. Il Pomezia prende fiducia mente il Monastir, nonostante qualche occasione, non riesce a trovare le misure. A trovare la via della rete sono infatti ancora i locali che grazie ad una bellissima azione personale di Chiomenti trovano il tris. Dopo il 3-0 suono la campanella in casa Monastir e Demurtas sugli sviluppi di un calcio da fermo sigla il 3-1 che manda a riposo le due compagini. Il Monastir nella seconda parte di gara prova a rientrare in partita ma i pometini non glielo consentono, anzi allungano ancora con Potrich che sfrutta un assist derivante da un’altra pregevole giocata di Chiomenti e allungano di nuovo il divario. Successivamente la Fortitudo avrebbe anche le occasioni per chiudere più volte la partita ma i legni non glielo concedono e permettono invece agli isolani di riaprire la gara, a farlo è Wilson che trova il 4-2. Negli ultimi minuti però, con il portiere di movimento, la squadra di mister Catta non riesce ad impensierire ulteriormente la retroguardia locale che non subisce gol e chiude la partita sul 4-2.


📌 CLUB SAN PAOLO – UNITED APRILIA : 2-5

⚽ Tatti, Cabitza (SP)

⚽ Pachiarotti, Macheda, Spinelli, Greco, Rulli (A)

Altra brutta sconfitta per la San Paolo che in questo turno cade sotto i colpi dello United Aprilia. Avvio di gara bugiardo che illude i padroni di casa in seguito al vantaggio di Tatti, poi la squadra locale gestisce la partita fino al pari e crolla successivamente. Il pareggio ospite porta la firma del giovane Greco che carica i suoi e da fiducia al roster laziale che prima della fine dei primi 20’ trova altri due gol, prima quello del sorpasso con Rulli e poi l’1-3 con capitan Pacchirotti. Anche al rientro in campo sono gli ospiti a sembrare più decisi e concreti e lo dimostrano incrementando il parziale grazie al momentaneo 1-4 di Macheda. Lo show dei ragazzi di mister Trobbiani però non finisce qui, c’è gloria infatti anche per Spinelli che trova la quinta e ultima rete dei biancoblu che chiudono virtualmente la gara, inutile la rete siglata nei minuti finali da Cabitza.


📌 ATHLETIC C5 – FUTSAL OSSI : 6-4

Si chiude subito la striscia di risultati utili positivi del Futsal Ossi che dopo aver ottenuto la prima vittoria contro il Bergamo nello scorso turno di campionato non riesce a ripetersi nella trasferta di Chiavari. La squadra di mister Puddu continua a pagare il poco affiatamento fra compagni vista completamente rinnovata da testa a piedi e inoltre le rotazioni molto corte che non permettono ai giocatori migliori di rendere al meglio. I sassaresi partono infatti come sempre bene ma crollano poi nel proseguo della gara, nel match di sabato è stato il gol di Wendel a portarli in vantaggio prima che venissero poi riacchiappiati e triplicati dai padroni di casa che hanno chiuso la prima frazione in vantaggio per 4-1. La squadra sarda ha poi approfittato della pausa per recuperare le forze ed è riuscita a risalire nel punteggio senza poter però completare l’opera a causa delle altre due reti subite dai locali: 6-4 il punteggio al suono della sirena.

You May Also Like

Commenta