La 4a Giornata dell’Under 19 Nazionale…in voci e commenti

Quarta giornata di Under 19 in cui l’FFC consolida il primo posto in classifica, e in cui il Monastir e la San Paolo, forti del fattore casa, battono la Mediterranea e la Jasnagora. Turno di riposo per il Città di Sestu.


Futsal Futbol Cagliari – Leonardo : 5-1

2 Matza, Murroni, Lecca, Boi (F)

Spano (L)

Una Leonardo in stato di emergenza, viste le importanti assenze di Cau (squalificato) e Pusceddu (infortunato), cade sotto i colpi di un ottimo FFC. La partita è equilibrata nei primi minuti e a metà del primo tempo Matza non lascia scampo a Dore, togliendo le ragnatele dall’incrocio e portando avanti i suoi. Neanche un minuto e arriva subito la reazione della Leo, che pareggiano con Spano dopo uno schema da palla in movimento. I padroni di casa continuano a pressare, e a 30 secondi dalla fine del primo tempo si portano in vantaggio con un gol di Murroni in ripartenza. Il secondo tempo è a senso unico, gli ospiti attaccano spesso ma Cara abbassa la serranda e l’FFC va in ripartenza, trovando un altro gol di Matza e infine i gol di Lecca e di Boi, che chiudono il match sul 5-1.


Monastir Kosmoto – Mediterranea : 8-6

3 Orrù, Carollo, Pireddu, Rosas, Calistri, Succa (MK)

3 Coni, 2 Meloni, Medda (M)

Monastir che si rifà dopo la sconfitta di settimana scorsa contro la Leonardo, battendo in casa la Mediterranea. Ospiti che partono bene e siglano subito lo 0-1 con Meloni, ma la reazione della Kosmoto è a dir poco sorprendente, infatti Orrù, Pireddu e Rosas portano il punteggio sul 3-1, al quale arriva la risposta di Coni che chiude il primo tempo sul 3-2. Nel secondo tempo i padroni di casa continuano a dominare, e segnano 4 gol in successione con Orrù, Carollo, Calistri e Succa, la Med segna con Coni e sul punteggio di 7-3 si gioca la carta del portiere di movimento, andando a segno ancora con Coni, classe 2003 che sigla la tripletta personale. Il Monastir approfitta dell’espulsione di Aste per segnare l’8-4 con Orrù, e la Med di tutta risposta continua col portiere di movimento portandosi sull’8-6 con Medda e Meloni, ma il tempo è troppo poco e al suono della sirena i padroni di casa possono festeggiare.

Il commento del classe 2002 Lai: “Siamo scesi in campo con la mentalità sbagliata anche se abbiamo fatto il primo goal , non siamo riusciti a sfruttare le occasioni che ci sono capitate. Nel secondo tempo loro hanno dilagato ed è stato difficile provare a recuperare, ma con il portiere di movimento ci stavamo riuscendo , purtroppo mancava troppo poco. È comunque una sconfitta da cui possiamo imparare , testa alla prossima.”


San Paolo – Jasnagora : 5-2

3 Gerina, Pusceddu (S)

2 Lo Schiavo (J)

San Paolo che nelle mura amiche (e debole delle assenze di Ena, Pibiri, Vacca) batte la Jasnagora in un match lottato fino agli ultimi minuti. Il primo tempo è equilibrato ed entrambe le compagini impegnano i portieri Deidda e Arca, ma a pochi minuti dalla fine capitan Gerina porta avanti i suoi, 1-0 il risultato al suono della prima sirena. Nel secondo tempo la Jasna pareggia con Lo Schiavo, ma subito dopo arriva il gol di Pusceddu che riporta in vantaggio la San Paolo. Successivamente arrivano altri due gol di Gerina, a cui risponde ancora Lo Schiavo, e proprio quando la partita sembra riaperta, la San Paolo ci mette una pezza sopra e sigla il definitivo 5-2, ponendo fine a un match giocato a ritmi molto alti.

Il resoconto di Mister Barbieri sulla partita:
“Abbiamo avuto qualche assenza forzata per piccoli infortuni di elementi importanti della nostra Under come Ena, Pibiri, Vacca. Ne abbiamo approfittato per far esordire altri tre ragazzi che partecipano anche al campionato di C11, cosa che faremo tutto l’anno. Essendo un anno di transizione stiamo facendo giocare sistematicamente almeno 5/6 giocatori del c11 ogni domenica. Sono 2002 e ci servono per aprire un nuovo ciclo. Inizio non facile ma siamo contenti della crescita aiutati dai ragazzi più esperti che con gli assenti di oggi insieme a Gerina e Deidda compongono un ottimo quintetto che gioca sistematicamente anche in serie B. Oggi abbiamo cercato di fare noi la partita contro una squadra chiusa che giocava sui nostri errori e con lanci lunghi. Nel secondo tempo con il passare dei minuti i ragazzi che per la prima volta per questo anno giocavano a c5 si sono sciolti ed è venuta fuori la nostra miglior tecnica globale. Vittoria meritata”

You May Also Like

Commenta