La 15a Giornata della Serie C1…in voci e commenti

Ecco com’è andata la seconda giornata del girone di ritorno della #SerieC1. In copertina l’Elmas: vittoriosa sabato grazie alla rete di Pintauro a 7” dal termine.


Mush Mediterranea – Athena Oristano : 6-8

Versace, Tronci, Sanna, Cadoni (M)

3 Porru, 2 Fois, Barresi, Crobu, Fadda (A)

Al termine di un match molto intenso è l’Athena Oristano di Dessì a conquistare la vittoria, consolidando il terzo posto in classifica e staccando i cagliaritani di mister Serra di ben 4 punti. La prima frazione si svolge a ondate di 2 gol per parte: al minuto 13 è già 0-2 in favore degli ospiti grazie ad un doppio Porru che sorprende la difesa rossoblù. Rientra in partita la Mediterranea grazie ad una rete di Stefano Versace, abile a farsi trovare pronto nel tap-in dopo la traversa colpita da Deiana. Passano 20 secondi e arriva il pareggio casalingo con Tronci che riceve da Versace su calcio di punizione dal limite dell’area. Al minuto 14 è Barresi a ristabilire il vantaggio giallonero con una conclusione deviata che sorprende Ferraro. Occasione Med per pareggiare con Versace che, in ripartenza, riceve da Tronci ma la difesa ospite è attenta e sventa il pericolo. Il protagonista di questa prima metà di gara è sicuramente Porru che infatti a 3 minuti dal termine sigla la tripletta, portando il risultato sul 2-4. Clamorosa opportunità allo scadere per Crobu e compagni che nella stessa azione colpiscono prima il palo e poi la traversa. Incipit di secondo tempo a specchio rispetto al primo con 2 gol per parte: partenza lampo degli oristanesi che impiegano 10 secondi a trovare la rete del 2-5 con Fadda. Mediterranea che sembra essere completamente in balia delle offensive avversarie e infatti, 2 minuti dopo, arriva il 2-6 con Crobu. Mister Serra gioca la carta del portiere di movimento, con Arrais che prende il posto di Ferraro: giocata che sembra riaccendere le speranze locali e al minuto 4, Versace, riceve proprio da Arrais e riapre la gara. Galvanizzati dalla rete che accorcia il divario, aumenta l’intensità delle offensive cagliaritane e non tarda ad arrivare il 4-6 che porta la firma di Cadoni. Nel momento migliore dei rossoblù arriva però la rete di Fois a 3 minuti dal termine, che sembra tagliare le gambe alla formazione di casa. Sanna prova a riaprire la gara siglando il 5-7 su palla recuperata in pressing ma la doppietta di Fois chiude i giochi. A 15 secondi dal termine Versace sigla la tripletta che fissa il risultato finale sul 6-8.

Le parole del capitano oristanese Luca Crobu: “Match per noi importantissimo, non potevamo sbagliare per poter restare lì in alto in classifica. Abbiamo sfruttato tutte le occasioni che abbiamo avuto e abbiamo difeso veramente bene, mantenendo sempre un ritmo alto come avevamo preparato in allenamento con il mister. Continuiamo così per poter rimanere nelle zone alte”.


Elmas C5 – Dym Sport: 6-5

2 Marras, 2 Pintauro, Lisci, Perra (E)

Lutzu, Dessy, Atzori, Mocci, Stara (D)

Girone di ritorno a pieni voti per l’Elmas di Perra che nelle prime due dopo la sosta raccolgono il pieno bottino ed escono dalla zona retrocessione. La Dym invece non riesce a ripetersi dopo la vittoria in casa contro l’Ales e impatta nel muro masese. Primo tempo molto equilibrato che si chiude con una marcatura per parte: apre le danze Perra ma il vantaggio locale viene annullato poco dopo da Dessy. La ripresa è ben più spettacolare con azioni da una parte e dall’altra; al rientro dagli spogliatoi è la Dym a tenere il pallino del gioco e porta il parziale sull’1-3 prima con Mocci e poi con capitan Atzori. Prova a rientrare in partita l’Elmas con capitan Pintauro, che direttamente su calcio di punizione dal limite dimezza lo svantaggio. Gara molto vivace che vede un doppio botta e risposta tra le compagini: prima Stara trova la rete del 2-4 e poi Lisci sigla il 3-4 al secondo palo; la rete settimese realizzata da Lutzu riporta a +2 le distanze ma una reazione rabbiosa dei locali gli permette di ribaltare il risultato. Un doppio Marras, grazie al portiere di movimento, porta sul 5-5 il parziale. Non si accontenta del pareggio la formazione di casa che continua ad insistere con il quinto uomo, che finora aveva prodotto i suoi frutti. Manca ormai circa un minuto al termine e Pintauro prova la conclusione dalla distanza che viene bloccata dall’estremo difensore settimese, ripartenza ospite che però non va a buon fine e la palla ritorna proprio al capitano masese che, con il sinistro a porta sguarnita, trova la rete del 6-5 a 7” dal termine.

Queste le parole del match winner Manuel Pintauro: “È stata una partita tosta e ben interpretata da entrambe le squadre. Per noi ormai ogni partita è una finale visto il disastroso andamento del girone d’andata, quindi anche sabato cercheremo la vittoria per arrivare il prima possibile alla quota salvezza”


Drillo’s Team – Delfino: 6-5

3 Maza, 2 Tuffu, Meloni (D)

M. Puddu, Simeoni, Murgia, Cano, Francescoli (De)

Il Drillo’s Team, orfano del suo miglior giocatore nonché capocannoniere del campionato, trova un’ottima prestazione di squadra contro una coriacea Delfino. Partita non adatta ai deboli di cuore con gol da una parte e dall’altra e un equilibrio che durerà per quasi tutti i 40 minuti di gioco. Primo gol della gara realizzato da Tuffu su schema di calcio d’angolo; pronta risposta ospite con Michele Puddu che riporta in pari il risultato. Passa in vantaggio la formazione di mister Fadda grazie alla rete di Simeoni ma Meloni, ben servito da Bandinu porta sul 2-2 il parziale. Prima del duplice fischio c’è tempo per il nuovo vantaggio della Delfino, questa volta di Murgia che manda le squadre negli spogliatoi sul 2-3. Rientro in campo più convinto da parte dei ragazzi di mister Dessolis che prima pareggiano con Maza su azione personale e poi la ribaltano, ancora con il brasiliano, che con una precisa punta destra porta il risultato sul 4-3. Altalena di emozioni che non ha intenzione di fermarsi ed è questa volta la Delfino a fare la voce grossa, ribaltando nuovamente il match grazie alle reti di Cano e Francescoli. Pareggia nuovamente i conti Tuffu che sfrutta un’indecisione dell’estremo difensore cagliaritano e realizza il 5-5. Lampo verdeoro con Maza che, al termine di una bella azione personale, scarica un preciso sinistro sotto al sette, portando i 3 punti agli olbiesi.

Le parole di Luan Maza al termine del match: “Finalmente sono riuscito a esprimermi come la società si aspetta. Dopo un brutto primo tempo, abbiamo fatto una grande gara nel secondo, dove sono riuscito a fare 3 bei gol che dedico al presidente”.


San Sebastiano Ussana – Futsal Alghero: 7-5

3 Piras, Cabras, O. Ledda, Serio, Garzia (U)

Idili, Canu, Bartoli, Todde, Dengra Vera (FA)

Scontro salvezza favorevoli agli ussanesi che sfruttano il fattore casa e collezionano 3 punti di fondamentale importanza per credere nella salvezza. A farne le spese è il Futsal Alghero di mister Canu che, nonostante un buon primo tempo, nella ripresa cedono alle offensive ussanesi. Doppio vantaggio bruciante dei giallorossi con Idili e Canu che concretizzano un ottimo start portandosi sullo 0-2. La reazione della formazione di mister Laconi non tarda ad arrivare ed infatti prima Piras dimezza lo svantaggio di testa e poi Cabras pareggia i conti sfruttando l’assistenza di Oscar Ledda. Lo stesso Oscar Ledda, poco dopo timbra il 3-2 in favore dei locali ma, poco prima del suono della sirena, il nuovo arrivato Dengra Vera manda le squadre negli spogliatoi sul risultato di 3-3. Nella ripresa è ancora la compagine algherese a trovare la via del gol con Todde, ma Garzia dice no e riporta in equilibrio il match; non passa molto e Serio, ben servito da Piras, timbra il 5-4 per la gioia dei suoi. Mister Canu decide allora di optare per il portiere di movimento, giocata che darà i suoi frutti: espulsione per Oscar Ledda e uomo in meno per i locali che si fanno recuperare grazie alla rete di Bartoli. Nel finale è il solito Alex Piras a risolvere la situazione siglando prima il 6-5 con una precisa puntata e poi realizza la personale tripletta sfruttando il quinto uomo avversario.

Le parole del match-winner Alex Piras: “Abbiamo preparato la partita al meglio, siamo riusciti a prendere 3 punti importanti, sono contento di come ha girato la squadra nonostante l’Alghero abbia giocato sino all’ultimo secondo. Adesso ci aspetta un altro scontro diretto settimana prossima contro la Delfino”.


Ales C5 – C’è Chi Ciak: 2-7

D. Serra, D. Deidda (A)

2 Marini, Aquilina, Medda, Argiolas, Serra, Concu

Ales che ospita la capolista C’è Chi Ciak nella 15ma giornata di Serie C1. I padroni di casa passano in vantaggio a sorpresa con Serra all’inizio del primo tempo, gli ospiti però riescono poco dopo a trovare il pareggio con Aquilina e successivamente anche il gol dell’1-2, con Luca Serra. L’Ales cerca il pareggio ma ancora il C’è Chi Ciak ad andare in rete con Medda che sigla 1-3 e con Argiolas che sigla l’1-4, chiudendo così il primo tempo. Il secondo tempo si apre con il gol di Daniele Marini che porta gli ospiti sull’1-5. L’Ales riesce ad accorciare le distanze sul 2-5 con la rete di Deidda, però gli ospiti riescono comunque a tenere la situazione sotto controllo, riuscendo poi ad andare in gol con Concu e Marini e chiudendo la partita sul 2-7.

Mister Fabrizio Meloni ci introduce il match di sabato prossimo contro il Domus: “Il match di sabato contro il Domus, sarà sicuramente una bella partita a ritmi elevati. Loro sono una bella squadra e sicuramente non meritano quel posto in classifica. Noi dobbiamo giocare tranquilli e non pensare ai risultati degli altri campi, mettendo la partita sui giusti binari con il gioco di squadra e il ritmo, cercando di sbagliare il meno possibile per non concedere ripartenze all’avversario. Dobbiamo restare uniti e credere in quello che facciamo anche se la partita si dovesse mettere male”.


Futsal 4 Mori – Domus Chia: 2-11

Medas, Littera (F4M)

4 Leclercq, 2 Melis, 2 Boi, Granella, Murgia, Nonnis (D)

Troppo Domus Chia per il Futsal 4 Mori. I mariesi non si risparmiano e dopo le sconfitte di misura contro Mediterranea e Cagliari Futsal trovano un’importante vittoria in territorio settimese. Partenza subito convinta della squadra ospite che passa in vantaggio 2-0 prima con Leclercq e poi con Melis. Rientra in partita la squadra di mister Salis che trova il gol dell’1-2 con il solito Ruben Medas che sigla il suo 26° gol in campionato. Da questo momento in poi è monologo ospite che dilaga con un parziale di 5-0, in rete Boi, Granella, Murgia e un doppio Leclercq. Primo tempo che si conclude con il risultato di 1-7. Continua ad insistere la formazione di De Agostini che continua ad attaccare e trova il gol con Nonnis, Boi e ancora Leclercq, che timbra il poker, portando il suo score personale complessivo a 17 reti. Sul finale un gol per parte: Littera accorcia le distanze ma nuovamente Melis inchioda il risultato sul 2-11.


Cagliari Futsal – Cus Cagliari: 5-3

3 Grandulli, Paderi, Pireddu (C)

Tola, Faa, Figus (CC)

Vittoria di grande importanza per il Cagliari Futsal che spezza il filone di 9 risultati utili consecutivi da parte del Cus Cagliari di Fabrizio Boi e mantiene saldo il secondo posto. Il Cus lotta con le unghie e con i denti ma alla fine è mister Melis ad avere la meglio. Passano 2 minuti e il Cagliari Futsal, in ripartenza, passa in vantaggio con Grandulli. Svantaggio che non scoraggia gli ospiti che continuano a girare palla ordinatamente; passano 2 minuti e Figus, su calcio piazzato deviato, ristabilisce la parità. Momento favorevole per gli universitari che infatti si portano avanti con un piatto di Tola su rimessa laterale battuta da Santoni. Aumenta l’intensità nel pressing la compagine locale che infatti ribaltano il risultato negli ultimi 5 minuti del primo tempo: Grandulli sfrutta un rinvio intercettato di Pittalis e trova il 2-2; poco prima dell’intervallo è Paderi a portare avanti i suoi recuperando un pallone durante l’uscita dal pressing cussina, conclusione deviata che sorprende il portiere del Cus. Nella ripresa clamorosa occasione per Santoni spalle alla porta, il suo tiro sibila sfiorando il palo. Al minuto 6 doppia ammonizione per Sanna e cussini in inferiorità numerica; una strenua difesa e alcuni interventi miracolosi di Pittalis non permettono al Cagliari Futsal di sfruttare l’uomo in più e la gara rimane sul 3-2 in favore dei locali. Al minuto 12 arriva il doppio vantaggio dei ragazzi di mister Melis che porta la firma di Ledda, direttamente su rilancio. Passa un minuto e Faa riapre la gara trovando il 4-3 con una conclusione deviata che sorprende Ledda. Ultimi 5 minuti di pressing cussino con occasioni per entrambe le squadre ma, a 40 secondi dalla fine, ripartenza del Cagliari Futsal ancora con Pireddu a mettere in ghiaccio la partita.

Le parole di Denis Pittalis, alla prima stagionale: “Secondo me abbiamo giocato un’ottima gara, abbiamo tenuto testa ad una grandissima squadra. In generale, a livello di squadra abbiamo tenuto bene, forse avremmo potuto dare un po’ di più all’ultimo ma la voglia di pareggiarla era sempre viva. Siamo una squadra che può giocarsela con tutte, a livello mentale non abbiamo ancora incontrato nessuno superiore a noi e il merito non è solo della squadra ma anche dello staff che sta facendo un lavoro prezioso”.

You May Also Like

Commenta