I risultati del weekend di Serie A2 e Serie B!

Weekend amaro in Serie A2: Città di Sestu e Leonardo vengono sconfitte da Asti e Fenice. Nella Serie cadetta la Jasnagora perde in casa della capolista mentre, al contrario, l’FF Cagliari vince e mantiene il primato. Nessun punto raccolto da Ossi e San Paolo, il Monastir torna invece da Terracina col bottino pieno.


📌 CITTÀ DI SESTU – CITTÀ DI ASTI : 2-6

⚽️ Soro, Nuninho (S)

⚽️ 2 Zanchetta, Celentano, Corsini, Mendes, autogol (A)

Risultato bugiardo per quanto visto nei quaranta minuti andati in scena al PalaDante: il Sestu paga a caro prezzo un avvio di gara a rallentatore in cui l’Asti è stato bravo invece a creare un divario fondamentale poi ai fini del punteggio finale. Nel primo quarto di gara gli astigiani si portano avanti per 3-0 grazie ai sigilli di Zanchetta, Celentano e Corsini, quest’ultimo su punizione. Nei minuti seguenti il primo gol in campionato di Soro, su assist di Asquer, rimette in carreggiata i sestesi che sperano poi addirittura in un aggancio agli ospiti grazie alla gran rete dalla distanza di Nuninho. Zanchetta però mette tutti d’accordo e sfruttando una bella iniziativa di Mendes trova il 2-4 che manda a riposo le squadre. Al rientro in campo il Sestu continua a premere sull’acceleratore per cercare di rimettersi ancora una volta in partita ma viene frenato dall’espulsione di Nuninho che permette agli ospiti di trovare il 5-2 in superiorità numerica. Nell’ultima parte di gara l’autogol di Asquer su tiro di Zanchetta segna il fine-corsa per i locali che alzano bandiera bianca. Termina 2-6 in favore di Tropiano e soci.


📌 FENICE VENEZIAMESTRE – LEONARDO : 5-4

⚽️ 2 autogol, Caregnato, Botosso, Cavaglià (FV)

⚽️ Panucci, Podda, Jimenez, Tidu (L)

Pesantissima sconfitta in ottica salvezza per la Leonardo che butta via il primo tempo dominato dalla Fenice e non riesce a sistemare le cose nel secondo. I locali, spinti anche da un pubblico calorosissimo, partono fortissimo e dopo soli otto secondi si portano avanti grazie alla punizione di Botosso deviata da Dos Santos. Il gol a freddo toglie subito delle certezze agli ospiti che nei minuti seguenti subiscono in poco tempo altre due reti, la prima, spettacolare, in ripartenza di Caregnato e la seconda a causa di un autogol di capitan Perdighe su una palla messa in mezzo da Nalesso (3-0). Gli ospiti non riescono a venirne a capo, reagiscono mentalmente ma non tecnicamente e la Fenice in trans agonistica appare insuperabile. Sono infatti ancora i locali ad andare a segno grazie ad un altro sfortunato autogol di Perdighe che in quest’occasione devia in rete un palla servita da Marton in mezzo all’area. Nel secondo tempo la musica cambia, l’intervallo spezza il ritmo della Fenice e da allo stesso tempo la possibilità ai sardi di schiarirsi le idee: Panucci firma il 4-1, poi gli ospiti non sono in grado di sfruttare il 4vs3 dovuto all’espulsione di Caregnato che potrebbe riaprire ulteriormente la gara. Petruso opta allora per il portiere di movimento, una forzatura però permette a Cavaglia di riportare sul +4 i padroni di casa. La Leonardo continua col quinto uomo e Podda accorcia subito le distanze, palla al centro, pressione forte dei sardi che recuperano e trovano immediatamente anche il 5-3. In questo momento è la Fenice a perdere le certezze, i veneziani infatti non difendono in modo attento e subiscono anche il 5-4 ad opera di Tidu. I sardi avrebbero poi anche la possibilità di pareggiare ma le loro speranze svaniscono sulla traversa colpita da Podda nell’ultimo giro di lancette. Tre punti fondamentali per la Fenice, sconfitta che brucia per i cagliaritani.


📌 FORTITUDO POMEZIA – JASNAGORA : 3-1

⚽️ Zullo, Potrich, Viglietta (P)

⚽️ Falconi (J)

Una Jasnagora priva di Luca Ruggiu riesce a domare solo per la prima frazione la capolista, tornando a casa a mani vuote e le tasche piene di rimpianti. Primo tempo concluso infatti col risultato di 0-1 in favore dei sardi guidati da Mario Mura grazie alla rete di Falconi, il numero 2 è il più rapido a ribattere in rete una respinta dell’estremo difensore avversario dopo una conclusione di Olla, Poi, gli stessi Falconi e Olla, falliscono due tiri liberi, neutralizzati da Pacioni, che avrebbero potuto incrementare il punteggio. Al rientro in campo dopo l’intervallo gli ospiti pagano dazio per i liberi mancati e subiscono la rimonta dei locali: prima Viglietta pareggia i conti su assist di Zullo, poi è immediato il sorpasso di Potrich sempre su assist di Zullo e infine proprio capitan Zullo si regala il gol che vale il 3-1 locale, dopo un salvataggio clamoroso di Zanobi nei minuti precedenti che non aveva permesso a Contini e compagni di trovare il pari. Come già detto dunque, zero punti ma tanti, forse troppi, rimpianti per la Jasna.


📌 FF CAGLIARI – REAL CORNAREDO : 4-1

⚽️ Piaz, Serpa, Serginho, Alan (FFC)

⚽️ Messineo (C)

Riprende la propria marcia l’FFC che sconfigge, non con pochi problemi, tra le mura del PalaConi il Real Cornaredo. Cornaredo che ha avuto per due volte due ghiotte possibilità per sbloccare la gara entrambe con Calabretta. La prima si è stampata sull’incrocio dei pali, la seconda è stata vanificata da un ottimo intervento di Setzu. Ci ha pensato allora Pippo Piaz, al terzo gol in campionato, a dare un segnale alla partita e agli ospiti portando in vantaggio la squadra di casa dopo un pallone recuperato. In seguito al vantaggio i locali prendono ancora piu fiducia e diventano i padroni dell’incontro, prima Alan sfiora il raddoppio, poi a trovarlo è Serpa, mandando le squadre a riposo sul 2-0. Neanche al rientro in campo gli ospiti riescono a rendersi di nuovo pericolosi come era accaduto nei primi minuti del match, anzi rischiano più volte di incassare la terza rete che viene messa a segno all’ottavo del secondo tempo da capitan Serginho, servito da Alan. Lo stesso Alan, dieci minuti più tardi, firma il poker rossoblu ben posizionato al secondo palo. Al 19’ poi Messineo regala in ripartenza il gol della bandiera ai lombardi che però devono cedere alla capolista.


📌 ELLEDI CARMAGNOLA – FUTSAL OSSI : 10-4

⚽️ 5 Oanea, 2 Di Gregorio, 2 Vincenti, Sandri (C)

⚽️ 2 Feliciano, Becca, Dulcis (O)

Non trova la terza vittoria in altrettante gare nel girone di ritorno l’Ossi nonostante la doppietta del solito Feliciano e il primo gol (e che gol) in maglia giallo blu di Dulcis. Il Carmagnola si dimostra ancora una volta schiacciasassi tra le mura amiche (17-6 all’Athletic nella precedente gara in casa) e fiducioso di disputare una grande gara parte subito fortissimo andando avanti di due reti grazie alla doppietta di Oanea. Doccia fredda per l’Ossi che accusa il colpo, nonostante ciò riesce a reagire e accenna una risposta dimezzando lo svantaggio col gol di Feliciano. Neanche il tempo di festeggiare però che i locali si riportano sul doppio vantaggio grazie a Sandri. Altra doccia gelata per gli ospiti che non riescono in quest’occasione a ribattere colpo su colpo e vanno al tappeto a causa di altre due reti locali firmate da Di Gregorio e ancora Oanea. Solo al termine della prima frazione l’Ossi riesce a raddrizzare l’incontro grazie ai gol ancora di Feliciano, con un magistrale colpo di tacco, e di Becca che permettono alla squadra di mister Puddu di andare a riposo sotto solo di due lunghezze. Nel secondo tempo i sassaresi accorciano ulteriormente il gap grazie al grandissimo gol di Dulcis che con una serpentina salta mezza difesa avversaria e supera poi con un pallonetto il portiere avversario. La magia del numero 6 però è l’ultimo acuto della gara della squadra di Ossi che poi lascia strada ai locali. A metà della seconda parte di gara Di Gregorio porta sul 6-4 la squadra di casa poi in superiorità, espulso Trevisan tra gli ospiti, i piemontesi trovano anche il 7-4. Nei minuti finali si prende la scena il classe 2001 Vincenti che bagna il suo esordio in Serie B con una doppietta immediata. La partita infine si chiude nello stesso modo con cui si era aperta, gol di capitan Oanea. 10-4 il punteggio finale.


📌 SAN PAOLO – SPORTING JUVENIA : 2-4

⚽️ 2 Bigi (SP)

La San Paolo cede il passo alla capolista. Nella sfida testa-coda lo Juvenia è corsara sull’isola e mantiene il primato nonostante il brivido finale. Un primo tempo dominato dalla prima della classe permette a Basile e compagni di spianarsi la strada per la restante parte del match. Il primo tempo termina infatti col punteggio di 3-0 in favore dei laziali, bravi a limitare le offensive della squadra di casa e punire ogni sua disattenzione. Nella ripresa gli ospiti calano anche il poker che chiude virtualmente alla gara. Il 4-0 fa però abbassare la guardia agli ospiti che concedono alla San Paolo di rimettersi in partita grazie alla doppietta di Bigi, il primo su punizione e il secondo al volo su schema di calcio d’angolo. Purtroppo però i biancoverdi non riescono a risalire maggiormente nel punteggio e si devono arrendere allo Juvenia che consolida il primo posto nella graduatoria.


📌 REAL TERRACINA – MONASTIR KOSMOTO : 1-5

⚽️ Frainetti (RT)

⚽️ 3 Rocha, Massa, Putzolu (M)

Grande vittoria in trasferta del Monastir che nonostante le assenze di Wilson e Demurtas e la presenza a mezzo servizio di Perra sconfigge a domicilio il Terracina, mettendo un altro mattoncino importante per il proprio campionato. È Massa con un tiro di punta da posizione defilata a portare in vantaggio i sardi, poi Rocha con una magia trova l’incrocio sinistro e firma lo 0-2. Nel secondo tempo apre le danze ancora Rocha che concretizza uno schema su fallo laterale, poi ancora il capitano biancoblu sfrutta un errore dei locali col portiere di movimento per il momentaneo 0-4. Gli ospiti trovano il 4-1 con Frainetti, ben appostato al secondo palo, ma Putzolu direttamente dalla sua porta blinda poi il successo del Monastir che rientra in Sardegna col bottino pieno.

You May Also Like

Commenta