La 20a Giornata di Serie C1… in voci e commenti!

C’è Chi Ciak e Cagliari: fuga per la vittoria. La Med perde ancora e mette a serio rischio i play-off (con più di sette punti di distacco la seconda andrebbe direttamente alla fase nazionale). In copertina una fase del caldissimo derby tra Dym e 4 Mori (ne approfittiamo per fare un grande in bocca al lupo ad Andrea Locci). Colpacci per Delfino, Elmas ed Alghero. Il Drillo’s vince e si avvicina al terzo posto.


Delfino – Domus Chia: 5-4

2 Scano, Murgia, Corrias, Siddi (D)

Murgia, Leclercq, Zanatta, Piddiu (DC)

Gara mozzafiato al palazzetto Monteacuto di Cagliari tra Delfino e Domus Chia, decisa all’ultimo secondo da una rete di Scano. Primo tempo estremamente equilibrato tra le due squadre che infatti termina sul parziale di 1-1: Siddi apre le danze dopo appena due minuti ma Zanatta riporta in parità il match con un potente sinistro che sorprende Puddu. Nella ripresa bastano 30 secondi al Domus per portarsi in vantaggio grazie a Piddiu, destro vincente da posizione defilata. Gara che prosegue in maniera analoga alla prima frazione, grande equilibrio spezzato dai numerosi falli fischiati dai direttori di gara. Al minuto 11 arriva infatti il quinto fallo mariese che rischia di condizionare il proseguo della gara; pareggio di Corrias quando mancano 7 minuti, abile a farsi trovare nel posto giusto al momento giusto sugli sviluppi di un fallo laterale. Nuovo vantaggio ospite con Murgia direttamente su calcio di punizione ma Scano non ci sta e a 4 dal termine riporta in parità il match. Fallo da parte dei ragazzi di mister De Agostini e tiro libero locale: si incarica della battuta Alessandro Murgia che batte Morel e porta i suoi sul 4-3. Portiere di movimento per gli ospiti che da i suoi frutti, Leclercq a 1 dal termine sigla il 4-4. Mancano pochi istanti al triplice fischio ed entrambe le squadre spingono per ottenere i 3 punti; ripartenza fulminante dei padroni di casa che liberano al secondo palo Scano dopo una conclusione parata da Zanatta, il giocatore cagliaritano da due passi non sbaglia e regala i 3 punti a mister Fadda.


Drillo’s Team – San Sebastiano Ussana: 8-4

3 Ribas, Maza, Tuffu, Ceffoni, Meloni, autogol (D)

3 Chiabrando, Piras (U)

Non fallisce e preserva il quinto posto il Drillo’s Team che sconfigge l’Ussana con il risultato di 8-4. Partenza convinta dei padroni di casa che dopo appena 1 minuto si trovano sul 2-0 con Maza e Ceffoni. Continua ad offendere la squadra di Dessolis che si porta sul triplo vantaggio, questa volta grazie ad un bel destro di Ribas. Prova a rientrare in partita l’Ussana con la rete di capitan Chiabrando ma ancora Ribas, su calcio di rigore, riporta a 3 le distanze prima del duplice fischio da parte dei direttori di gara. Al rientro dagli spogliatoi arriva la doppietta di Chiabrando che porta il parziale sul 4-2 ma uno sfortunato autogol su conclusione di Ceffoni rende inutile il tentativo di rimonta da parte degli ospiti. Non si perde tuttavia d’animo la squadra di mister Laconi che trova in rapida successione altre 2 reti, questa volta con Piras e ancora Chiabrando, portando il punteggio sul 5-4. Il quarto gol ussanese preoccupa gli olbiesi che aumentano l’apporto in fase offensiva e infatti, sul finale, arrivano 3 reti locali con Tuffu, Ribas e Meloni. Il risultato finale a Padru è 8-4 con il Drillo’s che si porta a un solo punto di distanza dall’Athena Oristano e stacca di 3 lunghezze il Domus. L’Ussana non approfitta della sconfitta nel derby da parte del Futsal 4 Mori e rimane in penultima posizione.

Le parole del portiere del Drillo’s, Nicola Corda: “Non la nostra miglior partita, siamo riusciti a portarci subito sopra ma l’Ussana era comunque sempre in partita e si rendeva pericoloso in varie occasioni. Dopo l’intervallo siamo entrati in campo con poca concentrazione e abbiamo rischiato di farci raggiungere, siamo stati bravi negli ultimi 10 minuti ad allungare e a portare a casa i 3 punti”.


C’è Chi Ciak – Athena Oristano: 8-4

3 Nurchi, 2 Marini, Zucca, Medda, Gai (C)

Fiori, Mirabella, Fois, autogol (A)

La gara più attesa della ventesima giornata del campionato di C1 culmina con la vittoria della capolista ai danni di un ostico Athena Oristano che ha dovuto cedere ai serramannesi, abili a far valere il fattore casa. I ragazzi di mister Meloni sono bravi a portare subito il match in loro favore e, a metà primo tempo, si trovano già sopra di 3 reti. Nurchi e compagni, in controllo del match mettono più volte in difficoltà la difesa oristanese che riesce a tamponare le offensive dei padroni casa. Gol ospite che arriva grazie ad un’autorete e che porta il parziale sul 3-1; seconda metà del primo tempo a specchio che vede i locali più in palla e in controllo della gara. Al duplice fischio il parziale è di 6-2. Secondo tempo più equilibrato Grieco è costretto più volte a superarsi, con alcuni interventi preziosi per il C’è Chi Ciak. Nonostante un atteggiamento votato all’attacco da parte degli ospiti la buona guardia serramannese regge e limita i danni; arriva un doppio botta e risposta tra le compagini che inchioda il risultato sull’8-4. Punti fondamentali per mister Meloni che non poteva fallire per poter rimanere saldo in prima posizione con il Cagliari Futsal, a pari punti, pronto ad insidiarlo.

Le parole di Vinicio Putzolu al termine della gara: “Dopo l’importantissima vittoria in trasferta a Padru ci aspettava un incontro difficile con l’Athena. I ragazzi sono stati eccezionali dal primo minuto chiudendo il primo tempo in vantaggio per 6-2, per poi contenere nel secondo tempo il ritorno degli oristanesi. Ora ci aspettano sei finali da giocare con la massima concentrazione così come le ultime tre gare disputate”.


AC Ales – Cagliari Futsal: 7-11

3 Picchedda, 3 D. Deidda, Cadoni (A)

2 Grandulli, 2 Ledda, 2 Paderi, Cissè, Loddo, Fratini, Congiu, Atzeni (C)

Non riesce la seconda impresa consecutiva ai padroni di casa che, come spesso accaduto in questa stagione, partono forte, tant’è che dopo pochi minuti si ritrovano sul doppio vantaggio con le reti di Picchedda e Cadoni. Questo dà la sveglia ai ragazzi di mister Melis che prima accorcia con una bella conclusione di Grandulli da posizione defilata e subito dopo trova il pareggio con Cissè. L’Ales sembra subire il colpo, e infatti prende altre due reti in breve tempo, siglate da Paderi e Ledda, che portano il parziale sul 2 a 4. I ragazzi di mister Piras tra un gol e l’altro sprecano due importanti occasioni per pareggiare ma riescono a trovare comunque il gol del 3-4 con D.Deidda su schema da corner. A pochi secondi dal termine del primo tempo Ledda dal tiro libero manda le squadre a riposo sul 3-5. Portiere ospite che sarà decisivo, sia in positivo che in negativo, anche nel secondo tempo, prima con due conclusioni dalla propria area che trovano impreparati prima Annis e poi Frau e chiudono definitivamente il match, poi col fallo da ultimo uomo che decreta rigore ed espulsione. L’Ales prova a riaprire la gara, ma da quel momento fino alla fine si alternano reti da una parte e dall’altra che portano il risultato finale sul 7-11.

Le parole del portiere rossoblù Federico Ledda: “È stata una gara strana, vuoi per il campo e vuoi per gli avversari non siamo riusciti a giocare come sappiamo, abbiamo concesso troppi gol, e per una squadra che ha la miglior difesa e si sta giocando il campionato non va bene. Ora ci aspettano 6 finali dove non possiamo sbagliare nulla”.


Dym Sport – Futsal 4 Mori: 6-4

2 Atzori, Stara, Pannella, Putzu, Dessy (D)

2 Pittiu, Ferru, Medas (F)

Il derby di Settimo, così come nella gara d’andata, termina 6-4 in favore dei ragazzi di mister Saba. Dopo un’iniziale fase di studio da parte delle due squadre sono i rossoblù di Salis a fare la voce grossa e infatti, in rapida successione, si portano sul triplo vantaggio: Ferru apre le marcature facendosi trovare libero al secondo palo, allunga Pittiu che intercetta un pallone e prende in controtempo Berli e infine ancora Medas, su tiro libero, porta i suoi sullo 0-3. La terza rete non viene digerita dai locali che infatti in meno di 2 minuti si portano sul 2-3 prima con Dessy, abile a saltare un uomo e insaccare col sinistro e poi con un tiro diagonale dalla distanza di capitan Atzori. Nella ripresa sono ancora i ragazzi di Saba a trovare la via del gol, questa volta con Pannella che approfitta di una bella palla in banda di Mocci e scavalca Piras in uscita. Si sbilancia ancora in avanti la squadra di casa che infatti completa la rimonta e sigla il 4-3 con Stara, piazzato al secondo palo dopo un’imbucata di Pannella. Lo stesso centrale della Dym viene però espulso per doppia ammonizione e poco dopo anche il bomber del 4 Mori, Medas, viene mandato negli spogliatoi dai direttori di gara, sempre per doppia ammonizione. Ristabilita la parità numerica è Putzu a trovare la rete e porta i suoi sul 5-3. Mister Salis opta per il portiere di movimento e non tarda ad arrivare la rete di Pittiu che fissa il punteggio sul 5-4. Ultimi minuti infuocati al palazzetto di via Lussu con i 4 Mori che insistono e cercano la rete del pareggio, difesa rocciosa però da parte dei ragazzi di mister Saba che infatti intercettano palla con Putzu e lanciano a rete Atzori, il capitano settimese non fallisce e chiude i giochi sul risultato di 6-4.

Le parole di Enrico Atzori al termine della gara: “Classifica alla mano e vista la grande rivalità, questa per noi era la partita per non vanificare tutto il bel lavoro fatto in questi mesi e siamo entrati in campo pensando solo ai 3 punti. Nonostante un primo tempo sfortunato siamo riusciti con grande maturità a far girare gli episodi a nostro favore e fare nostra una gara fondamentale per morale e classifica. Dobbiamo ripartire dal secondo tempo di sabato, dalla fame che abbiamo dimostrato, per riuscire ad arrivare il prima possibile alla salvezza”.


Futsal Alghero – Cus Cagliari: 6-2

4 Unali, Idili, Fozzi (A)

Faa, Mura (C)

Tre punti di importanza fondamentale per gli algheresi che non falliscono la prova casalinga contro il Cus Cagliari e sfruttano le sconfitte di Futsal 4 Mori, Ussana e Ales per portarsi fuori dalla zona retrocessione. Gara difficile per i cussini, in emergenza infortuni e che incappano nella quarta sconfitta consecutiva. Partenza flash da parte dei locali che nei primi 5 minuti di gara vanno sopra di 3 reti, grande protagonista Unali, autore di una tripletta. Gara che prosegue equilibrata per i successivi 10 minuti fino a che Fozzi, al minuto 14, fissa il parziale del primo tempo sul 4-0. Nella ripresa sembra essersi svegliato il Cus che infatti accorcia le distanze con Faa; Unali però non ci sta e sigla il personale poker di giornata rubando palla nella metà campo avversaria e trovando il 5-1. Mura ritenta un principio di rimonta ma ancora una volta i locali, questa volta con Idili, stroncano ogni possibilità e fissano il risultato sul 6-2.

Le parole di Stefano Soro al termine del match: “In settimana avevamo chiesto una grande risposta da parte dei ragazzi dopo il brutto ko a Domus De Maria ed è arrivata contro il Cus Cagliari. La squadra ha giocato con la giusta cattiveria agonistica, sbagliando pochissimo e sfoderando forse una delle migliori prestazioni stagionali nonostante qualcuno fosse acciaccato. Ora ci attendono due trasferte difficilissime, a Oristano e Serramanna, prima degli scontri diretti e contiamo di recuperare tutti. Non sarà facile far punti ma dobbiamo comunque provarci”.


Elmas C5 – Mush Mediterranea: 6-2

4 Mietto, Marras, Orani (E)

Curreli, Casu (M)

Grande prestazione da parte dei gialloneri di Perra, partita ben preparata che sorprende i rossoblù di mister Serra. Momento no per i cagliaritani, alla seconda sconfitta di fila e che ora guardano fuggire C’è Chi Ciak e Cagliari Futsal, distanti ben 12 punti. Dopo 5 minuti si sblocca il match: conclusione di Arrais bloccata da Orani, il portiere dell’Elmas lancia veloce Mietto in ripartenza, il brasiliano stoppa e batte Ferraro, 1-0 per i locali. Raddoppia ancora Mietto, abile a farsi trovare smarcato all’interno dell’area dopo una conclusione di Pintauro. A 4 dal termine Curreli porta a 1 le distanze tra le due squadre con un destro sotto l’angolino alla destra di Orani. Secondo tempo molto simile al primo, con la Med che gira palla e prova a scardinare la difesa di casa, ma con poca efficacia; fallo laterale in favore dei locali, Perra pesca Mietto all’interno dell’area, il pivot protegge e riesce a girarsi, superando ancora una volta Ferraro. Non si ferma l’Elmas che trova prima il 4-1 con Marras e poi il 5-1 ancora con Mietto, poker per lui. Casu rende meno amaro il passivo e trova il 5-2 ma Orani, un minuto dopo, approfitta di una palla bloccata durante il portiere di movimento ospite e chiude il match sul 6-2.

Le parole del man of the match Pascal Mietto: “Visto i risultati di sabato, la partita con la Med era decisiva per la nostra salvezza, non basta vincere solo gli scontri diretti, ma riuscire a fare punti con le prime, quindi abbiamo affrontato la partita come una finale e subito nei primi minuti eravamo già sopra di 2 gol, la Med aveva un bel possesso palla ma noi siamo riusciti a fare un’ottima difesa e siamo stati bravi a fare gol nelle occasioni che abbiamo creato. Una vittoria che ci dà morale per conquistare il prima possibile la meritata salvezza”.

You May Also Like

Commenta