Serie A2 e Serie B maschile: il commento della sesta giornata

La Leonardo vince e convince contro il Città di Sestu. I rossoblù intanto annunciano l’arrivo dell’argentino Lamas. Sconfitte per Med e Jasna.

Leonardo-Città di Sestu: 7-3

3 Dos Santos, 2 Jota, Acco, Panucci (L)

Renan, Casu, Francini (CDS)

Un’ottima Leonardo confeziona la partita perfetta, annullando così la sconfitta subita due settimane prima contro l’Olimpus Roma, raggiungendo proprio i laziali a quota 10 punti. Il Città di Sestu deve riprendersi in vista del match di sabato contro la Mirafin. Mister Wilson potrà contare per questa importante sfida sull’apporto del neo-acquisto Nicolas Lamas. Primi minuti di studio per entrambe le compagini, con Muscas bravo a disinnescare le offensive dei cagliaritani. Poco prima della prima metà di gioco, i padroni di casa siglano un micidiale 1-2 firmato PanucciDos Santos, che mette in ginocchio i sestesi e che portano i ragazzi di Petruso al riposo sul doppio vantaggio, vantaggio che poteva essere maggiormente incrementato ma che un super Muscas ha meritatamente evitato. La ripresa si apre sulla falsa riga del primo tempo, e dopo due giri di lancette Jota firma il 3-0. Il Sestu prova a rientrare in partita, ma la Leo ha una marcia in più e come nel primo tempo, tra l’8° e il 9° minuto, cala il poker e il pokerissimo. A segno vanno stavolta Acco e Dos Santos, che sigla così la sua personale doppietta. Wilson decide per la carta del portiere di movimento, e dopo alcune offensive sventate da Erbì e dopo un legno colpito, i sestesi accorciano le distanze con Renan prima e con Casu poi, riaccendendo il match a 4 dalla fine. L’entusiasmo di Asquer e compagni viene però smorzato dallo stato di grazia del duo JotaDos Santos, che nel giro di 24 secondi chiudono il match, portando il risultato sul 7-2. A 5 secondi dalla fine, la rete di Francini serve a rendere meno amaro il pssivo. La Leo vince e scappa in testa al campionato.


Real Ciampino-Mediterranea: 7-5

2 Arrais, Tronci, Loi, Fois (M)

Sconfitta amara per la Mediterranea nella trasferta in casa del Real Ciampino. I cagliaritani, che hanno dato prova di un ottimo calcio a 5, non colgono una ghiotta occasione per portare a casa i primi punti stagionali, tornando dalla trasferta laziale con tanti rimpianti. Si era messa benissimo la gara per Heder e i suoi ragazzi, che dopo appena 7 secondi di gioco trovano un goal lampo con un perfetto schema da calcio d’inizio. Arrais è bravo a trafiggere il portiere avversario con un insolito colpo di testa, portando i suoi sullo 0-1. Reazione dei padroni di casa imminente, che pareggiano i conti dopo appena 20 secondi, trovando successivamente anche la rete del vantaggio. Il cuore degli isolani vien fuori, e consente a Tronci di pareggiare i conti e a capitan Arrais di siglare la sua doppietta personale. Le squadre vanno al riposo con il vantaggio dei cagliaritani per 2-3, ma nella ripresa un leggero calo di concentrazione rimette tutto in discussione e consente ai locali di effettuare la seconda rimonta di giornata; dal vantaggio di un goal, in pochi minuti la Med si ritrova a dover rincorrere. Ci pensa Lai a riportare il risultato in parità, ma ancora una volta i rossoblu si ritrovano sotto nel punteggio, a causa della rete locale che vale il 5-4. A cinque dal termine, con la carta del portiere di movimento, Fois regala il pareggio ai cagliaritani, ma i padroni di casa, non appena rimesso il pallone in gioco, rimettono la testa avanti. Vantaggio che rimarrà tale nonostante i tentativi isolani, che ci provano fino all’ultimo, ma a 8 secondi dal termine e con la porta sguarnita, i romani trovano ancora una volta il bersaglio grosso e chiudono il match sul definitivo 7-5.


Jasnagora-Real Fabrica Roma: 3-4

Costa, Cogotti, Spanu (J)

Raccoglie meno di quanto forse meritava, la Jasnagora di mister Mura, che pur orfana del suo bomber Luca Ruggiu offre un’ottima prestazione, mantenendo il pallino del gioco per tutti i 40 minuti di gara, ma arrendendosi al cinismo del Fabrica Roma, bravo a difendersi e punire i suoi avversari in contropiede. Una gara molto offensiva per i rossoblù, ma che hanno dovuto sempre rincorrere il risultato, per poi esaurire il tempo a disposizione e incassare così una bruciante sconfitta. A passare in vantaggio sono proprio gli ospiti, che nel primo tempo trovano lo 0-1 con un tiro deviato. L’arrembaggio dei sardi porta al pareggio ci firmato Costa, ed è proprio sul risultato di 1-1 che le due squadre vanno a riposo. La ripresa si apre così come si era chiuso il primo tempo, con la Jasna a caccia del gol del vantaggio, ma su due delle poche disattenzione della retroguardia cagliaritana si concretizza il doppio vantaggio dei romani, che tornano sopra e vanno sul +2. La Jasna non perde la bussola e si rimette a giocare forte, e con Cogotti prima e Spanu poi, accorcia le distanze e ristabilisce la parità. L’ennesimo assalto alla porta dei romani, in cerca di un meritato vantaggio, si capitalizza però in favore degli ospiti, che in ripartenza mettono per la quarta volta la palla alle spalle di Etzi, cogliendo così un successo tutto cuore e polmoni, e lasciando alla Jasnagora l’amaro in bocca per aver raccolto zero punti dopo una gara a larghi tratti dominata.

You May Also Like

Commenta